LAND OF HATE

   
Gruppo: Land Of Hate
 
Formazione:

  • Ifilien – Basso
  • Attila – Batteria
  • Niko – Chitarra
  • Saso – Chitarra
  • Marco Veraldi – Voce
 

Ospite nel nostro angolo intervista Marko, cantante dei Land Of Hate, band calabrese che ha da poco rilasciato il primo album "Neutralized Existence"

 


 

Come va? Iniziamo col presentare la band a chi non la conoscesse?

Land Of HateMarko:Salve a tutti!Innanzitutto ti ringrazio per lo spazio che ci stai concedendo. Veniamo a noi, I Land of Hate nascono dal bisogno di dare libero sfogo all’opposizione nei confronti del sistema sociale moderno, scagliandosi contro di esso, con violenza e rabbia. La formazione originale si formo' a Catanzaro nel 2005, ed era composta inizialmente da quattro elementi: Marko(voce), Niko(chitarra), Ifilien(basso) e Attila(batteria). Con questa i Land of Hate compongono e registrano l’EP di esordio "Total Devastation" che viene distribuito dai membri del gruppo stessi, in Italia e anche fuori, grazie sopratutto all’appoggio di alcuni ragazzi che interessati alla nostra musica, masterizzano e distribuiscono il cd nei rispettivi paesi (Polonia, Filippine, Russia, Brasile, Germania). Poco tempo dopo l'uscita di "Total Devastation", entra in formazione Saso(chitarra). Nel 2007 i Land Of Hate si accordano con l'Infernal Kaos Productions. L'etichetta koreana ristampa e distribuisce "Gener(h)ate", il secondo mcd della band. Il mini viene anche stampato e distribuito in versione cassetta dalla Peruviana Evil Spirit Distro che la distribuisce in Sud America. Nel 2007/08 si intensifica l’attività live che ci permette di esibirci su più palchi, centri sociali e locali vari sia al sud che al nord Italia. Nel 2009 viene realizzato uno split cd assieme agli amici Zora, Deathcrush e Smashhead dal titolo "4 Ways To Scream Your Hate". È da poco uscito il nuovo lavoro, Neutralized Existence prodotto dall’asiatica Infernal Kaos Prods.

In tre anni vi siete parecchio da fare, fra uscite e live, com'è stato creare questa prima opera completa e quali differenze ci sono con "Gener(H)ate"?

Land Of HateMarko: Si,in effetti ci siamo spostati molto, ci reputiamo una live band, quindi stiamo parecchio in giro a suonare. Abbiamo fatto un po' di date dal Nord al Sud Italia. Per quanto riguarda le differenze tra i nostri due ultimi lavori: Gener(h)ate forse era meno complesso e più diretto, molto in your face diciamo, "Neutralized" pur mantenendo sempre quell'istintività che ci caratterizza è un album un po' più maturo e vario, le canzoni presenti sono a loro modo più articolate, si tratta ad ogni modo sempre di thrash death old school veloce e aggressivo.

Come e da cosa nasce un pezzo dei Land Of Hate, a chi la cura della struttura compositiva, a chi le liriche e su cosa s'incentrano?

Land Of HateMarko: Noi tendiamo a comporre di gruppo, si parte spesso da un riff che viene portato in sala prove per poi essere sviluppato da tutti, l'idea può partire da me, dai chitarristi, ma anche dal batterista o dal bassista, non ci poniamo limiti, l’importante è che ci esprima, per il resto non ci mettiamo mai molto a comporre una canzone, due,massimo tre prove, è importante per noi comporre in maniera istintiva senza pensarci troppo su. Per le liriche posso dirti che le compongo tutte io, anche tu sei del Sud Italia come me, sai bene che basta guardarsi in giro o vivere giorno dopo giorno situazioni varie in questa terra per scrivere dei testi, e quindi i testi sono orientati sul sociale, e su fatti di vita vissuti, non amo inventare storie su fantasmi e via dicendo, preferisco vomitare in faccia la mia verità.

A chi vi siete affidati per la produzione, siete rimasti diciamo così in famiglia?

Land Of HateMarko: Come sempre ci siamo affidati ai Sound Farm studio del grande JLK Molè, chitarrista dei Glacial Fear e anche mio compagno di avventure in A Buried Existence. Come sempre siamo rimasti soddisfattissimi, è una fortuna per noi avere uno studio del genere in Calabria, per fartene un’idea ti basta ascoltare altri lavori usciti dalle sue mani tipo:Zora, Glacial Fear, A Buried Existence, Uranium 235 e via dicendo.

Avete trovato accordo con con la Gate Of Horror Prods per la distribuzione di "Neutralized Existence" in Sud America, come sta andando, riscontri?

Land Of HateMarko:In Sud America per il secondo album consecutivo abbiamo trovato una buona distribuzione, oltretutto Paul della G.O.H. è il proprietario di uno dei negozi metal di punta in Perù, organizza anche date a gente come Rotting Christ ecc. La le cose vanno bene per noi e siamo davvero felici di tutto ciò, due anni fa ci era stato proposto anche un tour promozionale da quelle parti. Non suoniamo per manie di grandezza e queste sono le piccole soddisfazioni che ripagano la nostra passione.

Il mondo del metal vanta un ritorno quasi forzato e a tratti insensato all'old school anche se a fin dei conti molti suonano lo stile con produzioni pulite al limite del plastificato, cosa ne pensi di questo fenomeno?

Land Of HateMarko:io sinceramente credo che non basta suonare old school per moda, l'old school bisogna averlo dentro, e la gente recepisce quando una band suona old perché è old, e quando lo fa per un ritorno di fiamma. Per quello che ci riguarda sin dalla nostra prima pubblicazione abbiamo suonato old school senza nessuna variante, per il resto posso dirti che ognuno è libero di fare quel che vuole anche se a mio parere non ha senso produrre un album in stile vecchia scuola che non suona come tale, e con questo non intendo dire che bisogna registrare delle chitarre zanzara ecc, lo si può produrre anche con un'ottima qualità di suono, ma che non sia plastificata come dici tu. "Arise" dei Sepultura insegna.

Le realtà del sud del nostro paese arrancano in maniera più evidente rispetto al nord dello stesso, la storia come in tutte le cose si ripete anche nella musica, quali sono i reali problemi del nostro stivale?

Land Of HateMarko: Non so quali siano i reali problemi qui in Italia, io posso solo parlare per esperienze personali, e posso dirti che in questi anni incui siamo stati in giro o visto situazioni spettacolari di supporto tra band, ma anche situazioni molto spiacevoli dettate dall'invidia(per cosa poi?) e dall'ipocrisia, addirittura ti trovi gente che decide di fare una data assieme a te organizzata da uno del luogo magari, e tale band ti contatta due giorni prima dicendo che deve essere headliner! [ride]. Headliner in una serata a due band? E dove stiamo al Gods Of Metal? Chiaramente non abbiamo mai fatto di queste storie, per noi primi , secondi o ultimi non ha importanza, se una band vale lo dimostra anche suonando prima dei primi! Oltretutto c'è la moda in Italia di pagare per suonare, quindi i meriti vanno a farsi fottere, davvero roba raccapricciante.

Se dovessi promovuore band di nuova generazione che ti piacciono quali nomi ti balzano in testa?

Land Of HateMarko: Nuova generazione non saprei, di sicuro ci stanno band in giro sia della nuova che vecchia generazione che meritano tanto rispetto, con molte di queste abbiamo anche condiviso diversi palchi, non faccio nomi solo perché rischierei di dimenticarne qualcuna, ma basta andare sul nostro Myspace e controllare la nostra top friends, è ben fornita [ride].

Siete una creatura da live e che si esprime al massimo in tale sede? Com'è la situazione date e come vi muovete in tal senso? Siete a conoscenza d band che vendono il di dietro per suonare?

Land Of HateMarko: Come ben sai siamo perennemente in tour, però tendiamo a far al massimo due o tre date consecutive, per il resto preferiamo spostarci ogni fine settimana di qua e di la, è uno sbattimento, però è inevitabile, abbiamo altri lavori e non campiamo di sola musica. Per la passione si fa questo e altro, abbiamo anche proposte per tre date in Est Europa che speriamo di concretizzare, per il resto come ti dicevo sopra, troppe band pagano per suonare, cosa che non faremo mai e non abbiamo fatto neanche quando ci è stato proposto, si suona per meriti non per soldi!

Cos'è per te la vera passione e qual'è il giusto modo per vivere il metal?

Land Of HateMarko: La passione è fare ciò che amiamo senza avere nessuna pretesa, ciò che arriva in più è ben accetto, bisogna rimanere umili e con i piedi per terra, bisogna sbattersi con piacere e non scendere mai a compromessi ,si rischia di tradire la passione stessa.

Ringraziandoti per la disponibilità a te chiudere come meglio credi…

Land Of HateMarko: Sono io che ti ringrazio per la disponibilità, supportate la musica underground!!!  Disorder, Aggression, Total Devastation!!!

 

 

 

 

 

Facebook Comments