MASS DISTRACTION

MASS DISTRACTION

Informazioni
Autore: Mourning

Formazione
Johan Hansson – Voce
Per Hjalmarsson – Basso
Jon Hjalmarsson – Chitarra
David Larsson – Batteria

MASS DISTRACTION Salve ragazzi, benvenuti su Aristocrazia Webzine. Possiamo avere una breve presentazione della vostra band?

I MassDistraction si sono formati nel 2007 ad opera di Jon e Per Hjalmarsson. Chiamammo la band Retribution; il nome è stato cambiato in MassDistraction durante un concerto nel 2009 dal momento che c’erano molte altre band chiamate Retribution. Abbiamo avuto parecchi cambi di line-up durante gli anni ma dall’inizio del 2009 non abbiamo trovato chi si trova a proprio agio come chitarrista ritmico tant’è che ne abbiamo cambiati molti e nel frattempo stiamo ancora cercando qualcuno che vada bene.

 


Ho sentito il vostro ultimo demo, voi suonate heavy metal con influenze thrash; qual’è il background musicale dei MassDistraction?

Io e Per abbiamo un background heavy metal davvero “old school”, principalmente fatto di metal anni ’80 come Iron Maiden, Judas Priest, Iced Earth, Slayer, Metallica, Exodus e Megadeth. Ma io amo anche i Lamb Of God che non sono proprio vecchia come band. Johan ascolta tutto ciò che presenta chitarre distorte e doppia cassa e David opta per il thrash moderno ma anche quello vecchia scuola. Per tutti noi sono l’heavy metal, il thrash metal e il death metal che giacciono nei nostri cuori.
 

Quali sono i progetti che avete per l’immediato futuro? State scrivendo canzoni per un album di debutto?

Abbiamo scritto molte nuove canzoni ultimamente quindi continueremo con le registrazioni del nostro nuovo demo che conterrà circa sette brani, inclusi “Succubus” e “Live A Lie” che abbiamo già pubblicato su myspace. Non stiamo tuttavia pianificando di rilasciare un album perché non abbiamo ancora un contratto per la registrazione. E non abbiamo intenzione di firmare con la prima piccola compagnia che ci contatta, vogliamo avere un buon contratto con qualcuno che possa fare qualcosa per noi. C’è una gran quantità di etichette al giorno d’oggi che non fanno realmente granché per le band che noi non possiamo già fare da soli. Ma se verremo contattati per un buon contratto, lo accetteremo.
 

Come scrivete una canzone?

Principalmente si inizia con me o Per che scriviamo un riff di chitarra o di basso, e in seguito iniziamo a lavorarci. Dopo che ho messo giù un po’ di pezzi inizio con le melodie vocali. Noi non scriviamo molto insieme nello studio, principalmente scriviamo da soli per conto nostro e dopo tutti possono esprimere la loro opinione quando presentiamo la canzone alla band. Io scrivo la maggior parte dei testi ma Johan ne sta scrivendo alcuni anche lui. Ha scritto i testi per “Succubus” ad esempio. I testi sono spesso l’ultima cosa che scriviamo per completare un brano. Quando io scrivo una canzone lascio mettere giù a David le parti di batteria. Per però preferisce scrivere le linee per tutti gli strumenti da solo, inclusa la batteria.
 

Puoi dirci qualcosa riguardo ai testi delle vostre canzoni?

Si tratta principalmente di testi politici o anti-politici, ma non ci piace scrivere parola per parola quello che vogliamo comunicare, preferiamo adottare delle metafore che gli ascoltatori possono interpretare a loro modo. Si può dire che ciò che scriviamo è ciò che pensiamo del mondo in generale, le nostre opinioni a riguardo e i nostri pensieri.
 

Voi siete una realtà svedese, la vostra scena nazionale è una delle più importanti; siete in contatto con altre band o condividete il palco con qualcuno?

Abbiamo una scena metal molto piccola nella nostra città, abbiamo un paio di band con le quali facciamo spesso concerti insieme e collaboriamo tra noi. Siamo tutti amici e così via. Ma sfortunatamente Malms è una città principalmente legata al glam rock e quindi le metal bands non hanno occasione di suonare in grandi locali. Ci tocca restare in locali minori che rimangono parte della scena underground.
 

Perché hai scelto di suonare musica metal? Cosa ti ha fatto pensare “è questo ciò che voglio suonare”?

E’ la musica che amiamo. Suoniamo musica che ci piacerebbe ascoltare. Non potrei mai suonare musica della quale non sarei fiero. Per noi c’è solo il metal, non potremmo mai pensare o fare altro.
 

Cosa ne pensi dei social networks? Pensi che possano essere utili alla scena o no?

Certo che sono utili, io penso che per esempio myspace è la maggiore innovazione dell’industria discografica nella storia. Questo perché una piccola band sconosciuta può commerciarsi e far ascoltare la sua musica a persone in tutto il mondo anche senza avere contratti di registrazione, ed è una cosa che non è mai stata possibile prima.
 

Pensi che le nuove realtà potrebbero essere danneggiate dall’uso del file sharing?

Penso all’altro lato, ovvero che sia molto utile per le band piccole, siccome più gente entra in possesso delle canzoni, e più gente le ascolta. Questa è sempre un’ottima promozione per una band.
 



Puoi dirci le cose migliori che ti sono successe in concerto? C’è stata una performance live che vorresti ripetere?


Abbiamo avuto un paio di concerti l’anno scorso che sono iniziati con enormi mosh-pit ed è una gran bella botta di adrenalina stare sul palco e vedere la gente che poga con la tua musica. E una performance che non dimenticherò mai è stato il nostro secondo concerto, il primo con Johan alla voce. Abbiamo avuto un’ottima risposta dal pubblico, le persone cantavano durante i ritornelli e facevano headbanging tutto il tempo. Quel momento rimarrà per sempre con me.


Vi vedremo mai live in Italia?

Mass Distraction Il più presto possibile, ci serve giusto un po’ di denaro per il viaggio. Sarebbe grandioso suonare in Italia. Vorremmo suonare in più paesi possibile appena possibile!

Grazie per il tempo dedicatoci, l’ultimo messaggio per i nostri lettori sta a voi.

Il nostro messaggio è: suonate la musica che vi piace realmente, e non seguite le mode. Dovete fare ciò che fate meglio. I migliori saluti da Jon Hjalmarsson, chitarrista dei MassDistraction.

Facebook Comments