MYSTONS

MYSTONS

   
Gruppo: Mystons
Traduzione:  Dope Fiend
 
Formazione:

  • John Myston
  • M Myston
 

Sono finlandesi, hanno un sound originale e hanno sfornato un secondo album molto bello. Sono i Mystons, l'album di cui sto parlando è "Alkaem" e ora noi li conosceremo meglio.

 


 

Benvenuti sul nostro sito, per favore raccontateci qualcosa su di voi, sulla storia dei Mystons.

M Myston: Saluti e grazie! I Mystons suonano la prima volta in una fattoria di proprietà di un marinaio chiamato Oiva il 22 settembre 2007. Da allora abbiamo fatto due album e circa quaranta concerti. Siamo un gruppo alchemico che mescola il rock con il metal.

Qual è il rischio di cui si parla nella vostra pagina web? Le persone intrappolate nel web?

È il rischio dell'intrattenimento. Le persone sono oggi così sovraintrattenute da un milione di cose diverse nel Web e in TV che non sono proprio sicuro che possano essere interessate ad altre cose. Hanno sentito e visto tutto. La realtà che la gente vive al giorno d'oggi è solo un ologramma della realtà.

Suonate un originale mix di generi, si può sentire lo stile settantiano, la visione occulta del rock, un po' di blues alla The Doors, Danzig. Come avete creato questo mix? Quali gruppi vi hanno fatto pensare che questo era ciò che volevate suonare?

È la combinazione delle cose che ci piacciono e quello che tiriamo fuori naturalmente quando suoniamo. La maggior parte della musica è prodotta tramite jamming e questo è ciò che viene poi trasformato.

Una camera simile a un santuario, buia e illuminata da candele: è qui che la musica dei Mystons prende vita? Come create le vostre canzoni? Da che cosa traete ispirazione per i testi?

Sì, le canzoni sono elaborate nelle profondità buie del "laboratorio Mystons". Molte di esse sono fatte da suono e mantra, una sorta di canto in modo che il testo della canzone prenda forma dall'umore del brano mentre lo si suona. Alcuni dei testi trattano cose personali che accadono nella mia testa. La più grande ispirazione per me nei testi sono questi tempi bui che stiamo vivendo adesso. Noi tutti scriviamo canzoni e testi da soli, ma la forma finale del brano viene plasmata sempre con la band.

La prima volta che ho ascoltato "Alkaem" era notte, forse è per questo che mi sentivo così in sintonia con esso, è un lavoro intimista. Quali sono le sue parti migliori secondo voi? C'è qualcosa che cambiereste adesso?

È musica da notte di sicuro. Abbiamo suonato alcuni concerti in pieno giorno e semplicemente non funziona… In un certo senso si tratta di musica molto intimista, perchè abbiamo usato strumenti ed effetti minimali per la registrazione rispetto a ciò che la band usa in realtà dal vivo. Principalmente ci sono solo batteria, basso, una chitarra e una traccia vocale. Volevamo che il suono fosse grezzo, rozzo e freddo in un certo senso. E credo che ci siamo riusciti molto bene. L'album ha creato pareri molto contrastanti, perché non suona come i soliti album. Ma non cambierei niente di esso.

Sono rimasto sorpreso nell'ascolto: dopo un brano lento e oscuro come "Shadow Of The Beast ", una canzone come "Bullet". Perché questo cambiamento di atmosfera?

"Bullet" entrò in scaletta solo alla fine. È in qualche modo come mettere le ultime due canzoni dopo di esse nel loro posto giusto.

Qual è il significato della copertina? E quello della didascalia "Codex Musica Mystica Mystons"?

Mi auguro che l'ascoltatore abbia una propria risposta per questo. "Codex Musica Mystica Mystons" è una sorta di sottotitolo dell'album che significa "Il libro della mistica musica dei Mystons".

Cos'è il rock per voi?

Il rock è un modo per scacciare la primitività dell'uomo, cosa che non è possibile fare in nessun altro modo nel mondo moderno.

Ho letto che nel 2007 avete fatto un concerto in un ranch, ho letto di abiti sacerdotali e mangiatori di fuoco. Come eseguite i vostri spettacoli dal vivo? La parte musicale e quella scenica hanno lo stesso livello di importanza?

Cerchiamo di cibare tutti i sensi nei nostri spettacoli. Ci sono vesti sacerdotali, bombe di fuoco, sputafuoco e coinvolgiamo anche il pubblico a volte.

La Finlandia è un paese molto attivo nella musica. Non pensate di essere in qualche modo simili ai lati più estremi della scena finlandese? Ci sono band che seguite o di cui siete amici?

Penso che non suoniamo come nessun altro al momento. Noi non sembriamo adattarci ai generi della scena finlandese metal o indie o underground perchè suoniamo diversamente.

Come sono i vostri rapporti con la tecnologia e i social network? Quali sono i pro e i contro di questi mondi virtuali?

Vi è un rapporto di amore-odio. In parte abbiamo la sensazione di essere costretti a far parte del network per lavorare come una band attiva. Avremmo preferito concentrare il nostro tempo più sulla musica. D'altra parte le persone possono trovare più facilmente nuova musica e la musica si diffonde facilmente. I contro sono che la gente è abituata a ricevere la maggior parte della musica gratis. Gli artisti hanno pur bisogno di ricevere i loro soldi da qualche parte…

Con tutta la facilità di acquisto e il download di musica, pensate che si sia persa l'idea di approfondire ciò che un artista vuole dire? Le persone pensano che la musica sia usa e getta?

Ci sono sempre persone che sono interessate al significato più profondo della musica. Penso che l'artista trovi talvolta qualche verità o emozione universale e che sia capace di trasmetterla in modo che l'ascoltatore intenda la stessa cosa. La migliore musica è senza tempo, in un modo che tocca alcune emozioni basilari delle persone.

Come è stata la promozione dell'album? Avete avuto recensioni?

Abbiamo ricevuto ottime recensioni in particolare nei siti web statunitensi. In alcune persone l'album ha creato un mix di emozioni perchè non si adatta soltanto a un genere.

Progetti futuri? Quali sono le novità per i Mystons?

Abbiamo scritto circa quindici canzoni nuove e speriamo di far uscire un nuovo album entro l'autunno 2011. Nel frattempo stiamo facendo concerti, nuove canzoni e demo per l'album.

Vi vedremo in Italia?

Spero di sì! Se qualcuno avesse suggerimenti o contatti per rock club dove possiamo esibirci, non esiti a contattarci: [email protected]

Grazie per il tempo trascorso con noi, l'ultimo messaggio peri nostri lettori lo lascio a voi.

Supportate le band che amate, comprando i loro album. Questo è il miglior modo per garantirvi di avere buona musica in futuro. E intanto auguriamo un 2011 avvolto dal mistero e speriamo di vedere i lettori di Aristocrazia Webzine ai nostri live!

Facebook Comments