ABSU + IMPIETY + NECRONOMICON (07/04/2012 @ Zurigo)

ABSU + IMPIETY + NECRONOMICON (07/04/2012 @ Zurigo)

Evento: ABSU + Impiety + Necronomicon
Data: 07/04/2012
Luogo: Alte Kaserne, Zurigo, Svizzera
   
Gruppi:

  • Necronomicon
  • Impiety
  • Absu
 
 

 

È il fine settimana di Pasqua, uggioso e, per il sottoscritto maltrattato dal proprio corpo che gli presenta la fattura dei peccati di gioventù, tutt’altro che impregnato di gioia e di mole festosa. Fortunatamente esistono le farmacie, le pastiglie e qualche birra per digerirle. Sì, il miscuglio non è salutare ma rende in qualche modo euforici… Me lo aspettavo. Il pubblico, piuttosto eterogeneo, non è numeroso; credo che tanti siano partiti in vacanza, rinunciando a questa serata ornata da nomi altosonanti.


Necronomicon

BRUTAL ASSAULT 2013 - Parte IIMi rendo finalmente conto di non avere badato abbastanza alla provenienza dei Necronomicon presenti qui a Zurigo. Ero assolutamente convinto che si trattasse di quelli tedeschi… che figuracce! Il trio canadese apre con gran brio la serata. Sono curioso di ascoltarlo. Non sapevo della sua esistenza, malgrado calchi le scene da vent’anni. Rob Tremblay, il chitarrista cantante, ci ricorda che questa è la prima apparizione in Svizzera del gruppo (o forse addirittura in Europa). I signori ci presentano un death metal con tocchi tecnici e ci mostrano di essere perfettamente in grado di eseguirlo magnificamente anche in concerto. Raffiche di riff spaventosi c’investono, la presenza scenica è enorme e una buona manciata di presenti si lascia trascinare da questa corazzata live che riesce a far fronte comune sul palco come poche altre band. L’unico punto debole sono alcune lunghe pause fra un pezzo e l’altro. Bel concerto davvero.


Impiety

Che cosa suoneranno gli Impiety? Il lavoro, o meglio esperimento, "Worshippers Of The Seventh Tyranny" del 2011 non mi convinse per nulla e non ho proprio voglia di sorbirmelo pure qui. Scopro presto di avere perso l’uscita di "Ravage & Conquer" una settimana fa. I singaporiani presentano proprio i pezzi ivi contenuti che sono anche accompagnati dalla cover dei Bathory "Sacrifice". La prima impressione delle canzoni è buona, anche se bisogna ammettere che live molto sembra più figo che non su disco. Shyaithan non è solo impressionante come presenza fisica ma anche sul palcoscenico è molto attivo e sfoggia una maniera quasi accanita e arrabbiata nel suonare le tracce. La scaletta presentata è sicuramente aggressiva e brutale ma la presenza sul palco e l’agire del trio lasciano un tantino a desiderare. Il tutto è statico e vive quasi solo dell’uragano di scale anzi, l’interattività col pubblico è molto superficiale, quasi disinteressata. Leggendo il foglio con la scaletta scopro che dopo "Sacrifice" ci sarebbero ancora tre canzoni come bonus. Non so per quale motivo gli Impiety facciano le valigie sparendo poi senza commenti o altro, terminando di suonare un quarto d’ora prima. Boh, peccato.


Absu

Dopo una lunga pausa di quasi cinquanta minuti entrano in scena gli Absu, la folla li acclama come se fossero degli eroi. Mi aspetto parecchio dal terzo trio di questa serata. Lo vidi già qualche anno fa poco lontano da questo locale e ne fui veramente entusiasta. Le mie attese non sono deluse dai texani che entrano in gioco a testa bassa e a pieno gas sfornando un pezzo dopo l’altro ed entusiasmando un pubblico già ben caldo. Si può discutere a lungo sulla validità di dischi che paiono ripetersi un pochino, senza raggiungere il grande valore di "Tara". Fatto sta che la squadra di Proscriptor è un vero tsunami in concerto e tutto sembra funzionare: dalla presenza scenica, al ritmo d’esecuzione fino alla comunicazione col pubblico. Proscriptor "himself" si rivolge ogni tanto ai presenti e annuncia in maniera plateale alcune canzoni… è una persona molto carismatica e credo pure che lo sappia! Ecco trovato il modo ideale per chiudere la serata prima di Pasqua!


Restando in tema sportivo, lascerei salire sul palco al primo posto gli Absu, seguiti dai Necronomicon che daranno una mano agli Impiety a occupare il gradino del terzo arrivato. Non so se questa costellazione apparirà anche in Italia; se arrivasse nelle vostre vicinanze, approfittatene, non ve ne pentirete.

Facebook Comments