EUROPEAN ANNIHILATION (25/05/2012 @ Zurigo)

EUROPEAN ANNIHILATION (25/05/2012 @ Zurigo)

Informazioni
Gruppi: Diocletian, Nuclear Magick, Bölzer, Funeralopolis
Data: 25/05/2012
Luogo: ProviTreff, Zurigo (CH)
Autore: ticino1

Che bello, la primavera è arrivata! Conoscete la sensazione? Avete qualche giorno libero, approfittate delle belle giornate, siete attivissimi e vi fissate un obiettivo dopo l’altro. Una giornata di sport non combina con l’alcol e perciò decido di non bere a questo concerto. Il primo conoscente che incontro ha con sé una bottiglia di liquore polacco che finisce già prima di comprare il biglietto. Così in fretta si possono buttare in mare principî e obiettivi…

Il Provi Treff si trova proprio di fronte al palazzo della polizia municipale e non dista molto dalla strada delle lucciole. Ha una bella terrazza che guarda proprio sul fiume, così che se qualcuno dovesse vomitare, può farlo in maniera rapida e discreta voltandosi un istante. La suddivisione in due locali, uno col palco e l’altro col bar, permette di gustarsi la musica e pure di curare i proprî contatti sociali. L’entrata questa sera costa 16 Euro e così il costo delle bevande, pure quello è relativamente moderato, duole meno.

Suonano alcuni gruppi minori come i Funeralopolis. Il quartetto elvetico si dedica con anima e corpo al death di vecchia scuola come potreste anche incontrarlo su alcune demo degli Anni Novanta. La prestazione in concerto è forte e dimostra l’entusiasmo che questi signori hanno a presentare il loro prodotto. Provenienti dalla zona in cui vivo, i Funeralopolis hanno all’attivo un demo uscito due anni fa. Il pubblico è contento, promossi!

Ora è giunto il momento di entrare in scena per i Bölzer. Questo duo confederato offre un black grezzo con scale spesso trascinanti che coprono bene la mancanza di più musicisti sul palco. L’azione in scena apporta pure una buona fetta di varietà che contribuisce alla riuscita della presenza visiva. Da quanto ho sentito, i ragazzi non hanno ancora nessun lavoro all’attivo e combattono la propria guerra privata suonando concerti in ogni occasione che si offre. I presenti paiono divertirsi davvero ascoltando la musica del duetto e scuotono il capo che è un piacere. Sono curioso di sentire i Bölzer su disco. Anche loro sono eletti dal pubblico e ricevono il marchio DOC del divertimento metallico.

I tedeschi Nuclear Magick appaiono in scena con delle toghe che, secondo me, hanno poco o nulla a che vedere con il soggetto bellico nucleare trattato nel loro death nero. Va be’, non sono affari miei giudicare l’aspetto visivo scelto da una formazione. Alcuni riff sono veramente accattivanti e la presenza sul palco non è male. Interessante è anche il momento in cui il chitarrista s’impossessa del ruolo vocale durante una canzone. Il pubblico non è convinto da questo miscuglio di scale veloci e doom; una buona parte di esso preferisce allora lasciar suonare i Nuclear Magick, mentre si gode la birra all’aperto. Da un lato è peccato ma il Mondo, lo sapete, non è perfetto per nessuno. Summa summarum, i tedeschi hanno offerto un buon concerto.

I presenti sono qui soprattutto per loro, i Kiwi del metallo oscuro e rozzo. Sì, i Diocletian sono in tournée e non hanno problemi a fermarsi in un piccolo club come questo. Marciume potente investe in pochi attimi il pubblico che si accanisce numeroso sul fronte del palco. Nessuno si aspetta prestazioni tecniche di virtuosismo; tutti desiderano solo violenza brachiale e gratuita. Certo, siete nel posto giusto. Il terrore si manifesta sotto forma di titoli come “Sect Of Swords” e trafigge la platea con “Deathstrike Overkill” oppure “Annihilation Ritual”. I signori neozelandesi accettano addirittura le forti richieste di un bis e mitragliano ancora due pezzi che finalmente soddisfano la forte ghiottoneria di metal estremo dei presenti.

La serata è stata bella, ben organizzata e il miscuglio musicale era indubbiamente uno di quelli che è digerito dagli stomaci più robusti. Alla prossima allora!

Facebook Comments