SEPULCHRAL DOOM OVER EUROPE | Aristocrazia Webzine

SEPULCHRAL DOOM OVER EUROPE

 

Evento: Sepulchral Doom Over Europe Tour
Data: 08/10/2013
Luogo: Rock'N'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO)
Autore: Bosj
   

Gruppi:

  • Fuoco Fatuo
  • Grave Miasma
  • Necros Christos
 
 

Maciniamo il centinaio di chilometri scarso che separa Milano da Romagnano Sesia in compagnia dei primi banchi di nebbia stagionale, marchio di fabbrica del basso Piemonte, e arriviamo al R'N'R in questo martedì sera giusto in tempo per gli ultimi minuti dei Fuoco Fatuo, formazione varesotta di indubbio interesse dedicata anima e corpo alla scena live underground e alfiera di un misto doom-black con spruzzate sludge dai connotati particolarmente lunghi e pesanti.

Grave Miasma

BRUTAL ASSAULT 2013 - Parte IIRapido giro alle bancarelle dei soliti noti (Terror From Hell e Iron Tyrant, sempre abili nel trovare un modo per alleggerirti le finanze con dischi e vinili particolarmente attraenti) e il vuoto del cambio palco passa in fretta, nonostante la pignoleria del frontman dei Grave Miasma nella ricerca del giusto volume per l'effetto fade del microfono. Scoccano le ventidue, e i quattro Inglesi attaccano accompagnati da candele accese e incensi a creare un opprimente tanfo di morte. Le delicate strutture finemente cesellate dal gruppo sono un'assoluta piacevolezza per i fini palati degli astanti: una slavina di legnate nei denti si abbatte sul pubblico di Romagnano Sesia. In un'atmosfera fumosa e catacombale, un riff dietro l'altro, la formazione che al proprio interno ospita seconda chitarra e batteria dei Cruciamentum (e non è un caso) strega il manipolo di fedelissimi del Rock'N'Roll. Nonostante i suoni di questo death metal siano particolarmente complessi da presentare dal vivo, e scendendo a qualche compromesso quando si tratta di riprodurre le sfumature più basse e profonde, la prova del quartetto è magistrale. I sessanta minuti di esibizione terminano in un baleno, e i Grave Miasma rientrano nelle loro tombe.


 

Necros Christos

BRUTAL ASSAULT 2013 - Parte II

Altra breve pausa, e il palco viene occupato dai Necros Christos. Del quartetto tedesco vi abbiamo già parlato in occasione dell'Hell's Pleasure di quest'estate, ma chiaramente in un contesto del tutto diverso. Come volevasi dimostrare, un'esibizione al chiuso e con poca gente è molto più congeniale agli autori di "Doom Of The Occult", indubbiamente piacevoli e capaci di evocare atmosfere mistiche e nebulose. Ad ogni modo, sebbene più favorevolmente colpito rispetto a quest'estate, rimango del mio parere: se la formazione berlinese fosse un po' più sintetica, ne risulterebbe una proposta di gran lunga più incisiva. Eppure queste "lungaggini" sono anche il marchio di fabbrica dei Necros Christos, e dunque l'esibizione è impregnata di mid-tempo, altri mid-tempo e ulteriori mid-tempo, con passaggi ripetuti e ribaditi, ogni pezzo presentando strutture ricorrenti all'interno di se stesso. Il Reverendo, nella sua immancabile tunica orientaleggiante, presiede la celebrazione con carisma e perizia chitarristica, permettendo all'ibrido, lento e sulfureo death metal di sua creazione di avviluppare le mura del locale.
 
 

A esibizione terminata le orecchie pulsano e il pensiero della sveglia il mattino dopo è scoraggiante, ma si rientra soddisfatti e rinvigoriti, l'animo un po' più oscuro e mefitico di prima.