SAMAEL – Worship Him

 
Gruppo: Samael
Titolo: Worship Him
Anno: 1991
Provenienza: Svizzera
Etichetta: Osmose Productions
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Sleep Of Death
  2. Worship Him
  3. Knowledge Of The Ancient Kingdom
  4. Morbid Metal
  5. Rite Of Cthulhu
  6. The Black Face
  7. Into The Pentagram
  8. Messenger Of The Light
  9. Last Benediction
  10. The Dark
DURATA: 41:07
 

Lessi poco tempo fa nel numero cinquantasei del Rock Hard tedesco, mia fonte d'informazione principale, di un gruppo svizzero che si presenta in maniera cruda. Si dice che abbiano addirittura l'intenzione di fare esplodere un maiale sul palco.

Girando a Zurigo il fine settimana passato, non persi l'occasione di spulciare gli scaffali ben forniti del Jamarico, miniera inesauribile di ritrovamenti e ispirazioni musicali. Guarda un po'… proprio "Worship Him" dei Samael mi capita fra le dita. Senza pensarci due volte lo compro. Come sarà? Secondo Frank Albrecht del citato Rock Hard si tratta di musica simile a quella degli Asphyx con tocchi dei vecchi Bathory (che non ho mai ascoltato) ed Hellhammer. death metal allora?

Incuriosito, poso subito il disco sul piatto del mio giradischi casalingo. Dopo un'introduzione di tastiera, sono investito da una serie di note grezze e da una voce aggressiva. L'atmosfera generale è molto oscura e cupa. Non so se si possa parlare veramente di death metal. Mi permetto di accostare questa formazione vallesana a quei gruppi come Hellhammer o primi Sodom che ricevevano la definizione black metal.

La canzone "Worship Him" è lenta, pesante e nera al massimo. Questa tendenza si protrae per quasi tutto il disco e ricorda un poco un rituale oscuro. Il mio pezzo favorito è probabilmente "Morbid Metal", che esce un poco dal seminato col suo riff accattivante e con un ritmo in parte sostenuto.

Chi di voi avesse le scatole piene della marea di uscite senza identità, farà bene ad accaparrarsi questo vinile. Con un poco di fortuna lo troverete in qualche scaffale sotto la «s».

Facebook Comments