A.A.V.V. – Malevolence Records – Metal Over Oostrozebeke

 
Gruppo: A.A.V.V.
Titolo:  Malevolence Records – Metal Over Oostrozebeke
Anno: 2012
Provenienza:  Germania / Spagna / U.S.A.
Etichetta: Malevolence Records
Contatti:

Absentia: Facebook  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

Kaos: Sito web  Facebook  Youtube  Reverbnation

Septic Christ:  Facebook  Reverbnation

T.C.F.:  Facebook  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. KAOS – Internal Bleeding
  2. Absentia – If Only I
  3. Septic Christ – Yearning For Salvation
  4. T.C.F. – An Eye For An Eye
  5. KAOS – Let God Sort Them Out
  6. Absentia – A Kiss From Hellheaven
  7. Septic Christ – Wake Up
  8. T.C.F. – Core '88
DURATA: 31:20
 

La Malevolence Records è una piccola etichetta che passo dopo passo sta creandosi il roster e con questa breve compilation, nella quale sono contenuti otto pezzi, due per ogni realtà appartenente alla propria scuderia, le presenta in vista del tour europeo che le vedrà coinvolte.

I nomi in scaletta sono nella quasi totalità noti a chi segue Aristocrazia dagli esordi, in apertura con "Internal Bleeding" troviamo a esempio il thrash violento e adornato da tratti "core"  vecchio stampo dei veterani KAOS. La traccia uscita come singolo e apripista del nuovo ep "Validated In Blood" conferma la bontà della proposta del combo, pesante e massiccia, a essa si aggiunge "Let God Sort Them Out" estratta dal capitolo antecedente, l'album "The Pits Of Existence".

Secondo in ordine d'apparizione è il suono black-sinfonico degli spagnoli Absentia, dapprima con "If Only I" appartenente all'ultima produzione "Our Bleeding Sun" e successivamente con la più datata "A Kiss From Hellheaven" risalente al periodo del debutto "Heaven Still Burns". La differenza fra le due tracce è netta, con quest'ultima decisamente immatura soprattutto dal punto di vista della produzione.

Si torna in zona thrash con i teutonici Septic Christ di "Yearning For Salvation". L'inizio delicatamente acustico e carezzevolmente guidato da un assolo melodico non inganni, la partenza in velocità è dietro l'angolo e le radici di matrice Exodus-Anthrax vengon fuori dirompenti. Il pezzo è parte del nuovo disco "Guilty As We Were Born", mentre "Wake Up" è uno dei brani traino del debutto "Infected Existence" al quale il sottoscritto è particolarmente legato in quanto fu una delle prime recensioni inserite online da Aristocrazia nel 2009.

Chiudono i giochi i T.C.F. (Thrash Core Fanatics). Il nome del gruppo è palesemente esplicativo riguardo alle scelte di suono e direzione del songwriting intraprese dalla formazione, gli olandesi arrivano all'orecchio con "An Eye For An Eye", estrapolata da "Where Madness Reigns" del 2011, e "Core '88", compresa nell'ep del 2009 "Speed Or Bleed", non portando con sé nessuna novità, decisamente orientati a soddisfare la richiesta di chi vive piacevolmente intrappolato negli anni Ottanta.

"Metal Over Oostrozebeke" è solo una vetrina di ciò che lo show belga riserverà ai propri partecipanti, un semplice assaggio, un invito a provare, qualora non le conosceste già, le band che si alterneranno su quel palco. Giro quindi la palla a voi cari lettori e chissà che non entrino a far parte dei vostri ascolti.

Facebook Comments