Abjection - Malignant Deviation

ABJECTION – Malignant Deviation

Gruppo: Abjection
Titolo: Malignant Deviation
Anno: 2021
Provenienza: Canada
Etichetta: Godz Ov War Productions
Contatti: Facebook  Bandcamp  Spotify
TRACKLIST

  1. Of Consuming Decay
  2. An Illusion Of Sleep
  3. The Black Stag
  4. Nightmares Awoken
  5. The Madness Within
  6. A Darkness Unutterable
DURATA: 23:44

La linea editoriale di Godz Ov War ormai è chiara da anni: produrre band che nessuno conosce, che suonano musica tremenda, ma sempre con una propria dignità e credibilità, e gli Abjection non fanno eccezione. Come da copione, trattasi di quartetto canadese che si definisce «consorzio internazionale di death metal folle» di cui non si sa assolutamente nulla, se non che i vari membri arrivano tutti da esperienze precedenti più o meno note. In particolare, il batterista Josh Bueckert e il chitarrista Sergey Jmourovski fanno o hanno fatto parte dei Wake, gruppo grind-black di lungo corso della scuderia Metal Blade fattosi notare lo scorso anno per l’ottimo Devouring Ruin.

Gli Abjection non sono quindi metallari imberbi e alle prime armi, e si sente. Malignant Deviation è un badile di taglio nelle gengive e nella sua semplicità e schiettezza non lascia scampo. Dritto, ruvido e instancabile, il debutto assoluto dei canadesi è un EP da ventitré minuti che prosciuga di qualsiasi energia, perché non si ferma mai. Persino i testi sono un unico flusso di coscienza, concatenati l’uno con l’altro si perdono nei meandri di una mente malata tra mostri, allucinazioni e immagini disturbate.

I paragoni più facili sono con i padri Immolation e con il folle retaggio locale dei soliti noti, Antediluvian, Mitochondrion, Adversarial e tanti altri. Gli Abjection si incuneano proprio nel punto di congiunzione tra il death metal più strutturato di Ross Dolan e Bob Vigna e la sua declinazione più ferale, influenza della scena war metal canadese. Malignant Deviation beve avidamente da entrambi i calici ed è una bella sbornia di cose brutte, cattive e piuttosto malate. Adesso ci vuole un album completo.