ACID BATH – When The Kite String Pops

ACID BATH – When The Kite String Pops

Informazioni
Gruppo: Acid Bath
Titolo: When The Kite String Pops
Anno: 1994
Provenienza: Houma, Louisiana, USA
Etichetta: Rotten Records
Contatti: facebook.com/AcidBath
Autore: Leonard Z

Tracklist
1. The Blue
2. Tranquilized
3. Cheap Vodka
4. Finger Paintings Of The Insane
5. Jezebel
6. Scream Of The Butterfly
7. Dr. Seuss Is Dead
8. Dope Fiend
9. Tiloubabo Koomi
10. God Machine
11. The Mortician's Flame
12. What Color Is Death?
13. The Bones Of Baby Dolls
14. Cassie Eats Cockroaches

DURATA: 69:03

ACID BATH - When The Kite String Pops Poco da dire: nessun vero fan dello Sludge-Doom può permettersi di snobbare questo album. "When The Kite String Pops" è il primo full degli Acid Bath, band proveniente dalle paludi della Louisiana, dove southern rock, blues e doom si mischiano per creare un sound mefitico all'ennesima potenza. Quattordici tracce per un totale di oltre un'ora di ritmi blues che rallentano all'inverosimile, con la voce di Riggs che si alterna con quella degli altri elementi, passando dallo stile southern allo scream per poi divenire un sussurro. Le chitarre, manco a dirlo, sono pesanti come macigni e i tempi di batteria sono in continuo subbuglio. Non è un caso che quest'album venga tuttora idolatrato da una grande schiera di fan che rimpiangono la dipartita di questa band. Per far capire il livello di malattia del gruppo, basti pensare che la copertina e i disegni interni sono tratti dai dipinti di John Wayne Gacy, più famoso come "Pogo The Clown", ovvero il serial killer di bambini che intratteneva i figli dei vicini travestendosi da pagliaccio per le loro feste, per poi attirarli nello scantinato della sua casa dove aveva predisposto un apposito forno crematorio per farne sparire i resti. Se siete pronti ad addentrarvi nel mondo marcio, fatto di droghe, humor nero e follia, e nel suono schizofrenico dei paludosi Acid Bath, questo è l'album da avere: la voce di Riggs in "Scream Of The Butterfly" vi entrerà nella testa!

Facebook Comments