ADIMIRON – When Reality Wakes Up

 
Gruppo: Adimiron
Titolo:  When Reality Wakes Up
Anno: 2009
Provenienza:  Italia
Etichetta: Alkemist Fanatix
Contatti:

Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Reverbnation  Last.fm

 
TRACKLIST

  1. Desperates
  2. Wrong Side Of The Town
  3. Forgiveness
  4. Choice For A Mask
  5. Mindoll
  6. Das Experiment
  7. Spitfire [cover Prodigy]
  8. When Reality Wakes Up
  9. Still Winter Within
  10. Endeavouring
  11. The Flag Of Sinners
DURATA: 58:43
 

Formazione che rivela la propria maturità acquisita sulla lunga distanza quella dei nostrani Adimiron. I ragazzi ne hanno passate non poche: il fallimento della Karmaggedon Media, la rivoluzione in line up che vede il solo Alessandro Castelli membro originario e una svolta sonora netta quanto inaspettata. Nel 2004 ai tempi dell'uscita del debutto "Burning Souls" i risvolti melodici erano evidenti e parte possente e presente di quell'uscita, una parte che è stata inglobata e rielaborata, ma che ha minor presenza, in "When Reality Wakes Up".

Il nuovo disco cambia decisamente il tiro puntando su scelte groove e una vena nevermoriana accentuata che inquadra la proposta in un thrash tecnico e massiccio al tempo stesso. Sin dalle note iniziali di "Desperates" si viene accolti da un'onda d'urto possente che trae spunto dalla lezione impartita dai primi album dei Machine Head e che sfrutta ampie aperture grazie a un riffing cangiante e alla preparazione di un cantante, Andrea Spinelli, sugli scudi sia quando deve spingere, sia quando supporta con le sue linee le fasi dedite all'atmosfera.

La varietà dei brani permette di passare dal lato prettamente intimista ed emotivo allo sconvolgimento di sensazioni che l'accoppiata "Forgiveness" e la ballata "Choice For Mask" ci pongono all'udito. Spinelli con la sua interpretazione riesce nel ricordare Matthew Barlow (Iced Earth), Ville Laihiala (Sentenced) e Warrel Dane (Nevermore) alle volte anche all'interno della stessa canzone, sembra quasi esser posseduto dalle loro personalità per come vengono scanditi certi in passaggi in maniera quasi eccessivamente a loro similare.

"Das Experiment" come "Mindoll" puntano sull'estremizzazione del suono sinora proposto, mentre a metà scaletta viene inserita una cover metallizzata di "Spitfire" dei britannici Prodigy apprezzabile più per il tentativo che per la riuscita, non credo che Howlett e soci se la possano godere più di tanto. Per fortuna con la successiva titletrack "When Reality Wakes Up" ci si riassesta su registri adatti a quella che è la natura dei nuovi Adimiron. Il pezzo strumentale è rilassato e viaggiante calma gli animi prima che "Still Winter Within" torni a percuoterli, soggiogando al di sotto di una coltre cupa l'ascoltatore fra passaggi concitati e attimi colmi di una persuasiva e struggente melanconia. Posta in chiusura la lunga "The Flag Of Sinners" viene relegata come mazzata definitiva con l'intento di stordire, un ultimo assalto di proporzioni più che massicce che pone la parola fine all'album.

Formazione rinata e in forma più che mai, l'evoluzione-rivoluzione non ha fatto che bene agli Adimiron, hanno sfoderato una prova di molto sopra la media come ispirazione e dimostrato di possedere carattere. Quando si ha voglia di fare le cose per bene i risultati arrivano e questo è un disco che vale la pena di metter su più e più volte per assimilarlo e lasciarsi prendere. Sì, "When Reality Wakes Up" è un gioiellino per cui la parola acquisto è meritatamente spesa.

Facebook Comments