AMENOPHIS – Demos 1991 – 1992

 
Gruppo: Amenophis
Titolo: Demos 1991 – 1992
Anno: 2016
Provenienza: Svezia
Etichetta: I Hate Records
Contatti:

non disponibili

 
TRACKLIST

  1. Unfathomed Wisdom
  2. Obscure Apotheosis
  3. The Church Of Abaddon [versione 1991]
  4. Bloodstained Winter
  5. Below The Crescent Moonshine
  6. In the Dead Of The Night
  7. Eyes Of Fire
  8. The Church Of Abaddon [versione 1992]
DURATA: 34:31
 

Opera di ripescaggio nell'underground degli anni Novanta per la I Hate di Peter Lidén, che va a recuperare i demo pubblicati dai connazionali Amenophis, rilasciati al tempo unicamente in formato cassetta: "Amenophis" nel 1991 e "The Twelfth Hour" nel 1992.

La formazione mosse i suoi unici passi nella zona natìa di Norrköping, in una provincia (Östergötland) e in un periodo in cui vennero a galla altre realtà ben più note e di rilievo come Marduk, Allegiance e Darkified; con questi ultimi condivideva inoltre il cantante Martin Gustavsson e il chitarrista Tim Pettersson. Compose in totale una mezzora abbondante di musica che attingeva dal panorama primordiale di fine anni Ottanta, rifacendosi in maniera apprezzabile ma larvale a quanto offerto da Possessed, Celtic Frost, Nihilist, primi Death e primissimi Obituary.

Le tracce che vanno a comporre la raccolta mostrano la crescita e la maturazione a piccoli passi della band. Le differenze maggiori che passano fra quanto proposto in "Amenophis" e quanto poi registrato nel successivo "Twelfth Hour" sono inquadrabili sia nello sviluppo dei pezzi, più articolati e definiti nella seconda uscita, sia nelle scelte al mixer, che dotarono l'ultimo atto di una resa sonora complessivamente migliore. La prova di ciò risiede in "The Church Of Abaddon", pezzo contenuto in tutti e due i demo e che pertanto contiene il vissuto di entrambe le esperienze.

Non mi dilungherò ulteriormente, avrete già capito che "Demos 1991-1992" è uno di quei dischi perfetti per chi adora la scena death metal — svedese per la precisione — e cerca di inserire con assiduità pezzi mancanti nel puzzle che le dava forma. Se rientraste in tale categoria di ascoltatori, l'acquisto potrebbe decisamente scapparci.

Facebook Comments