ANCIENT MOON – Vvltvre

 
Gruppo: Ancient Moon
Titolo:  Vvltvre
Anno: 2015
Provenienza:  Belgio / Francia / Svizzera
Etichetta: Satanath Records / Cold Raw Records / Metal Throne Productions
Contatti:

 Facebook Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Preastigitum Altareas
DURATA: 28:42
 

Gli Ancient Moon sono stati attenti a rendere il loro debutto quanto più possibile indecifrabile: nessun testo, nessuna indicazione, nemmeno alcun nome da parte dei tre artisti che partecipano al progetto, qui identificatisi solo come O, J e B. Internet ci dice che si tratta di personaggi provenienti da Francia, Belgio e Svizzera e che "Vvltvre" è la loro prima prova, ma nulla di più.

"Vvltvre" è un'esperienza estenuante. Si leva senza alcun preavviso dalle più profonde oscurità, dal più nero degli abissi, e fa male. Ritualistico, asfittico, puramente malvagio e assolutamente impenetrabile. Quasi mezzora di disagio e cattiveria condensati in un'unica traccia, un unico brano che fa delle chitarre zanzarose, tipicamente raw, la sua spina dorsale, su cui man mano si stratificano tutti gli altri elementi. Che, a dir la verità, non sono nemmeno tanti: tastiere, batteria e urla di varia natura. Tutti e tre i membri si dilettano dietro al microfono a fasi alterne, regalando un miscuglio di performance ora alla Attila (per non dire vomitose), ora in classico scream, ora in un growl roco e profondissimo.

Il risultato è un album non facile, anzi decisamente ostico, ma ammaliante e di grande fascino, a costo di scendere a patti con una produzione che definire scarna è eufemistico. Eppure anche questa fa parte dell'equazione, della formula studiata dagli Ancient Moon per raggiungere l'equilibrio tra il suddetto approccio ritualistico, incarnato dalle linee vocali più lugubri e dalle aperture atmosferiche, e la furia del black metal, del doppio pedale e della chitarra gelida e accordata tre piani sottoterra. E questa formula, inutile girarci intorno, funziona, anzi, stupisce che in giro non ci siano più formazioni dedite a questa sorta di «atmospheric raw black metal», soprattutto dopo la scomparsa dei controversi e mai dimenticati Velvet Cacoon.

Facebook Comments