ANGELS OF BABYLON – Thundergod

 
Gruppo: Angels Of Babylon
Titolo:  Thundergod
Anno: 2013
Provenienza:   U.S.A.
Etichetta: Scarlet Records
Contatti: Myspace
 
TRACKLIST

  1. Thundergod
  2. Sondrio
  3. Queen Warrior
  4. What Have You Become
  5. White Star Line
  6. The Enemy
  7. True Brothers
  8. Redemption
  9. King Of All Kings
  10. Turning To Stone
  11. Bullet
DURATA: 52:46
 

Dall'Arizona ci giungono gli Angels Of Babylon, capeggiati da Rhino, batterista (ex-Manowar) e cantante. È interessante il fatto che la formazione sembri avere stretto contatto con il Vecchio Continente: una canzone di questo disco è dedicata alla città di Sondrio ed esistono due formazioni, una statunitense e un'altra europea, con membri del Belpaese.

Item, questo secondo lavoro degli Angeli inizia in modo furioso con il brano, promettente per il resto del disco, intitolato "Thundergod" che pare sia dedicato a Scott Columbus. Proseguendo nell'ascolto, la mia mente fa sfumare la definizione Heavy Metal e lascia sempre più spazio a una sensazione di Power con tocchi melodici ed epico-eroici. Troverete una gamma d'influenze che variano dai Van Halen agli Helloween "impanate" con poco carattere proprio. La tecnica esecutiva è indubbiamente di alto livello, ma non riesce a convincermi. Le piste sono, per i miei gusti, troppo artificiali, plastiche e piatte.

D'accordo, certi cori sono sicuramente accattivanti, tuttavia la ritmica non va mai oltre la banalità del déjà vu e cade nel baratro della noia con passaggi di tastiera a volte sdolcinati e quasi standard. M'immagino di vedere una marea di mani che sventolano onde di accendini accesi al loro ritmo e mi concentro dunque sulle canzoni seguenti. Beh, datemi pure del testone, dell'oltranzista, ciò che volete: nel resto del disco trovo pochi elementi degni di nota (ascoltate comunque "Redemption") e mi manca un filo d'Arianna. Come detto prima, l'esecuzione è impeccabile, ma tante buone scale non sono per forza dei mattoni solidi per costruire un buon muro.

Consiglio "Thundergod" solo ai musicisti che adorano un certo livello tecnico senza preoccuparsi troppo dell'originalità. Gli amici del Power oppure dell'Heavy Metal faranno bene ad ascoltare il disco prima dell'acquisto. Avverto i satanisti fra voi: Rhino ringrazia anche Gesù Cristo.

Facebook Comments