Antzaat - For You Men Who Gaze Into The Sun

ANTZAAT – For You Men Who Gaze Into The Sun

Gruppo:Antzaat
Titolo:For You Men Who Gaze Into The Sun
Anno:2020
Provenienza:Belgio
Etichetta:Immortal Frost Productions
Contatti:Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Between The Beginning And The End
  3. For You Men Who Gaze Into The Sun
  4. Crown Of Concrete
  5. Through The Eyes Of A Rotten Mind
  6. Radiant Fire
  7. Veil Of Darkness
  8. Man Made Flesh Made God Machine
  9. And This Day Shall Come Again
DURATA:44:28

Su queste pagine avevamo parlato dell’EP d’esordio dei belgi Antzaat come di un buon lavoro di black melodico in salsa finlandese, godibile per quanto palesemente derivativo, e rieccoci tre anni dopo con For You Men Who Gaze Into The Sun fra le mani, il primo album del quartetto di Heist-op-den-Berg (provincia di Anversa). La formazione non è cambiata e vede ancora il buon Ronarg (già chitarrista negli Ars Veneficium) guidare questa compagine di incappucciati. Già ai tempi dell’EP avevamo potuto verificare che gli Antzaat gestiscono bene minutaggi più o meno contenuti, e anche su questo primo full length la media per brano stenta a superare i cinque minuti e mezzo, confermando che i quattro preferiscono muoversi agili nella selva di male e disagio che hanno fatto crescere.

L’introduzione è affidata a poche note di organo, pescate nientemeno che dal repertorio musicale di Nerses Shnorhali, Patriarca d’Armenia fra il 1166 e il 1173; ma la vena ortodossa si ferma qui, perché già con “Between The Beginning And The End” si comincia a menar le mani alla maniera cui i belgi ci avevano abituato, con quel mix di feralità e di bordate melodiche che sembra essere la cifra stilistica preferita da Ronarg e soci. Proprio Ronarg si distingue tanto per le sue capacità con la sei corde quanto sul versante vocale, più vario, tecnico ed espressivo rispetto alla prova dell’EP. Manco a dirlo la title track brilla, come un po’ tutto il disco, grazie alla duttilità della voce, capace di fare luce e ombra quando serve, donando profondità comunicativa alla musica. Quella ancora non può dirsi nuova o particolarmente originale, ma fa molto bene il suo e soddisferà senza alcun dubbio gli appassionati di Sargeist e Horna. L’album è denso e omogeneo esattamente come l’EP che lo ha preceduto, un pregio se consideriamo che l’ascolto scorre abbastanza liscio e piacevole, un difetto perché nonostante la qualità complessiva con cui For You Men Who Gaze Into The Sun è stato confezionato qualche scossone in più era lecito aspettarselo, anche e soprattutto perché la band non è fatta di ragazzini e il suo leader ha maturato una certa esperienza.

Andare troppo oltre, però, non sembra essere prioritario per gli Antzaat, così come non lo è se guardiamo alla scena nel suo complesso, un peccato, considerando che le capacità tecniche sembrano esserci tutte. In ogni caso For You Men Who Gaze Into The Sun è un buon lavoro, prodotto con tutti i crismi e quindi secondo la tradizione perfezionista di Immortal Frost Productions.

Facebook Comments