ARCANA COELESTIA – Nomas

 
Gruppo: Arcana Coelestia
Titolo: Nomas
Anno: 2014
Provenienza: Italia
Etichetta: Avantgarde Music
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Nomas I
  2. Nomas II
  3. Nomas III
  4. Nomas IV
  5. Nomas V
DURATA: 42:50
 

Cinque anni sono il lasso di tempo che gli Arcana Coelestia si sono presi per modellare il seguito di quel bel disco che era — ed è tuttora — "Le Mirage De L'Idéal". MZ non è rimasto con le mani in mano: ha continuato a portare avanti gli Urna, è attualmente presente nei Locus Mortis, è entrato a far parte degli Aphonic Threnody e ha trovato nei suoi rodati compagni d'avventura PV (batteria) e Roberto Mura (voce) — appartenenti a due delle formazioni già tirate in ballo — i membri adatti a dare vita al terzo capitolo, che ha per titolo "Nomas".

I cinque atti che vanno a comporre questo intrigante e divinamente funereo viaggio trasposto in note ci pongono spesso e volentieri dinanzi a soluzioni che mettono in mostra il carattere duale della proposta, capace di distinguersi per tonalità celestiali, psichedeliche e stranamente confortanti, per poi smentirsi tramite improvvise pulsioni ritmiche e melodie annerite, evidenziando di possedere una dinamica emotiva in stile elastico. La musica molla e stringe la presa, irretendo e conquistando l'animo di chi ascolta, dando la possibilità di vagare sia all'interno di una dimensione terrena di passaggio — che conduce in un nuovo mondo nel quale le paure e le ragioni di vita divengono un fardello inutile e da dimenticare — sia in una dalla forma eterea, obliante, stranamente accogliente e infinita com'è la volta celeste. Quest'ultima sensazione viene acuita in maniera splendida dall'ottimo lavoro svolto dai sintetizzatori di Kostas in fase di estensione del suono.

"Nomas" è un atto di lussuriosa seduzione che diviene dorata, innalzandosi tramite l'inserimento di partiture sinfoniche cariche di solenne epicità e atmosfere da sogno a occhi aperti, ma in altrettanto modo si tramuta in una patina delicata e grigio perlacea, velandosi — quando serve anche pesantemente — di momenti malinconici ed elegiaci. Entrambe le facce di questa opera seguono lo sviluppo dell'esistenza umana, che affrontando la dimenticanza e l'annientamento si prepara a una rinascita che le permetterà di posare lo sguardo su di un nuovo mondo, in cui si è finalmente liberata dalla catena di menzogne che antecedentemente l'attanagliava.

L'album si fa forte di una prestazione strumentale di ottimo livello, con PV che mantiene alta la tensione, impostando un operato di batteria vario e massiccio, mentre MZ è costantemente abile nel modellare un riffato nel quale la melodia si rivela un'arma affinata e vincente. La prova vocale invece è versatile e sofferta: RM si poggia sui brani alternando tutti gli stili possibili, risultando sempre e comunque adeguato. Al contrario di quanto ci si possa attendere da un'uscita così corposa e dall'animo combattuto, essa dispone anche di una capacità comunicativa non indifferente.

Gli Arcana Coelestia confermano di essere un gruppo che merita attenzione e con altrettanta attenzione vanno ascoltati. Il loro "Nomas" necessita di svariati giri nel lettore per offrire il meglio di sé, perciò più tempo gli dedicherete e più sarete in grado di apprezzarlo, cogliendone le sfumature che lo rendono un lavoro di cui i musicisti nostrani possono andare fieri e che dovreste fare vostro.

Facebook Comments