ARKHON INFAUSTUS – Passing The Nekromanteion

 
Gruppo: Arkhon Infaustus
Titolo:
Passing The Nekromanteion
Anno: 2017
Provenienza: Francia
Etichetta: Les Acteurs De L'Ombre Productions
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Amphessatamine Nexion
  2. The Precipice Where Souls Slither
  3. Yesh Le-El Yadi
  4. Corrupted Épignosis
DURATA: 33:32
 

DK Deviant (Bekhira e Osculum Infame) rimette in moto i suoi Arkhon Infaustus, dopo ben dieci anni praticamente di fermo. Era infatti dall'uscita di "Orthodoxyn" nel 2007 che non si avevano notizie della band, che allora mostrava i primi segnali di allontanamento dalla più classica delle forme black-death metal. Il 2017 vede l'artista francese nuovamente pronto ad assaltare il nostro udito con l'ep "Passing The Nekromanteion", con il solo batterista Skvm (Temple Of Baal, The Order Of Apollyon ed ex di Livarkahil, Arvakh e oOo) a fargli compagnia. L'uscita è supportata dall'etichetta connazionale Les Acteurs De l'Ombre Productions.

Che cosa è cambiato in tutto questo tempo? Gli Arkhon Infaustus sono ancora una creatura devota all'oscurità e alle atmosfere infernali, ma l'espressione musicale violenta e folle del passato è diventata più elegante e luciferina, sprigionando ancora più malignità sulfurea. Questa marcia malefica accoglie con spontaneità dissonanze, melodie venefiche, sonorità al limite col noise e rallentamenti dall'inclinazione doom, tutte soluzioni che vanno ad arricchire un modus operandi compositivo forte di un assetto ritmico capace di deflagrare improvvisamente e concedersi a movenze astiosamente rituali.

Non mi soffermerò sulle singole tracce, anche se a dirla tutta reputo l'accoppiata composta da "The Precipice Where Soul Slither" e "Yesh Le-El Yadi" a dir poco devastante, né pronuncerò nomi di altre band che potrebbero avere influenzato l'attuale veste dei Francesi. Al contrario voglio elogiare il modo in cui DK Deviant ha coniugato tradizione e modernità, modellando un mini episodio che fa ben sperare per il futuro, alimentando così il desiderio di ascoltare al più presto un quinto lavoro su lunga distanza che abbia impresso il nome Arkhon Infaustus. Nell'attesa che ciò accada, vi suggerisco di fare vostra una copia di "Passing The Nekromanteion". Bentornati!

Facebook Comments