Arkona - Age Of Capricorn

ARKONA – Age Of Capricorn

Gruppo:Arkona
Titolo:Age Of Capricorn
Anno:2019
Provenienza:Polonia
Etichetta:Debemur Morti Production
Contatti:Sito web  Facebook  Bandcamp  Spotify
TRACKLIST

  1. Stellar Inferno
  2. Alone Among Wolves
  3. Age Of Capricorn
  4. Deathskull Mystherium
  5. Towards The Dark
  6. Grand Manifest Of Death
DURATA:45:29

Nonostante sia quanto di più lontano si possa immaginare da una strenna natalizia, l’uscita di Age Of Capricorn, l’ultima fatica degli Arkona, si è rivelata una conclusione molto apprezzabile del 2019. Anche con questo album la band dimostra di voler mantenere fede alla propria identità, riconfermandosi ulteriormente come una solida realtà della scena black metal polacca, sebbene l’unico membro fondatore rimasto sia Khorzon.

Cupo, demoniaco e maligno: Age Of Capricorn avvolge l’ascoltatore, facendolo entrare in una dimensione tenebrosa che si potrebbe definire stellare e infernale allo stesso tempo. Infatti, dal punto di vista concettuale, il disco sembra dipanarsi su un doppio binario: quello della dannazione eterna sul piano terreno e quello della (forse ricercata invano) salvezza cosmica all’avvento dell’Era del Capricorno; si tratta di un concetto molto ricorrente nell’astrologia e nell’esoterismo, tematiche care alla band.

Per creare quest’atmosfera, in ciascuna delle sei tracce che compongono Age Of Capricorn troviamo un equilibrio fra gli elementi tipicamente black metal e quelli che, invece, costituiscono la controparte sinfonica. Questa impostazione, già chiaramente percepibile dall’introduttiva “Stellar Inferno”, risulta ancora più evidente nei brani successivi, come nel caso di “Alone Among Wolves”, in cui la melodia data dalla tastiera si scontra in modo molto armonico con i blast beat. Proprio l’elemento sinfonico contribuisce a costruire un clima molto solenne e quasi mistico: esempi rappresentativi in questo senso sono la title track e la traccia conclusiva, la maestosa “Grand Manifest Of Death”; naturalmente, non mancano momenti che denotano una maggiore fedeltà a quello che si può definire un black metal canonico (è il caso dell’intro di “Deathskull Mystherium”).

In generale, gli Arkona si avvalgono di soluzioni sonore che confermano una capacità compositiva ed esecutiva di qualità; in Age Of Capricorn c’è tutto quello che ci si potrebbe aspettare da un buon disco black metal. Si potrebbe obiettare che non si tratti di soluzioni particolarmente innovative, ma — di fronte al risultato finale — sembra uno dei casi in cui il fatto di non modificare eccessivamente il proprio sound non rappresenta una pecca, bensì una certezza. Alla luce di tutto ciò, Age Of Capricorn è un disco oscuro, mistico al punto giusto e soprattutto molto equilibrato; insomma, un ascolto perfettamente in grado di soddisfare gli amanti del genere.

Facebook Comments