ARMOUR – Armour

ARMOUR – Armour

Informazioni
Gruppo: Armour
Anno: 2009
Etichetta: Hells Headbangers
Autore: Mourning

Tracklist
1. Rock’n’Roll Tonite
2. The Time Is Right
3. Sex Demon
4. Roll Out (Or Get Rocked)
5. Satan’s Knights
6. Can’t Resist Your Spell
7. Magick Armour
8. Hellfire
9. Ready To Attack
10. Heavy Metal Drinkers

DURATA: 39:23

Gli anni ottanta, gli anni d’oro del metal, dalla Finlandia con l’heavy nel cuore ecco il debut omonimo degli Armour, si pone l’obbiettivo di catapultare indietro le nostre anime di oltre un ventennio.
Il combo finnico sfodera una prestazione per nulla personale, ricalcano a pieno i clichè più classici dello stile suonando musica fortemente influenzata dalla prima schiera generazionale, i nomi che vi verrano istintivamente a mente appena Vince “Werewolf” Venom (Satanic Warmaster/ ex Horna) intonerà le prime note saranno Ac/Dc, Accept e richiami W.A.S.P. e si può non godere già solo nel citarli nomi simili? Assolutamente zero fronzoli, solo riffoni, goliardia e titoli come “Sex Demon”, “Roll Out (Or Get Rocked)” e “Heavy Metal Drinkers” ha rendere ancor più chiara l’idea di sana passione per il metallo puro, birraiolo e sesso dedito per vocazione.
Fra i brani spicca una “Can’t Resist Your Spell” più morigerata nei ritmi che ricorda i K.I.S.S. e che con la successiva e veloce “Magick Armour” forma un’accoppiata irresistibile.
Eighties metal, i suoni sono crudi, la produzione rende veramente tanto dando una spinta in più al disco, nessun tipo di pulizia celofanata ma un sound “reale”.
La prestazione degli Armour non ha nulla di cui potersi lamentare, suonano bene, i pezzi sono efficaci, la voce è il riffing decisamente sopra le media come qualità ma non aspettatevi innovazione da loro, ogni singola nota vi portare a un deja vù probabilmente voluto visto che l’album è definibile come un vero e proprio tributo a quella decade. “Armour”, quaranta minuti di metal old style, vista l’orda estrema che domina la scena direi che il vero oltranzismo è suonare heavy e farlo in questa maniera.
Consiglio quindi agli amanti del genere di dare una possibilità a questo disco, una divertente compagnia.

Facebook Comments