ASTRAL SLEEP – Angel

 
Gruppo: Astral Sleep
Titolo:  Angel
Anno: 2010
Provenienza:  Finlandia
Etichetta: Solitude Productions
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Angel
  2. Angel
  3. Angel 
DURATA: 31:17
 

La Finlandia ha un rapporto molto più che intimo col doom e gli Astral Sleep fanno quindi parte di una delle scene più imporanti e produttive. Loro stessi con il debutto di due anni fa, "Unawakening", avevano dato segno di voler entrare e farne parte dando un apporto considerevole e, seppur in parte, ne arriva adesso la prima conferma con l'uscita dell'ep "Angel".

Il mini è formato da tre lunghi episodi tutti a titolo eponimo,i  trenta minuti di musica che il quartetto di Tampere propone sono evoluti rispetto al recente passato, sono molto più vari rispetto ai classici standard del doom melodico mostrando come il riffato delle due asce, Markus e Rolle Heinonen, sia divenuto più dinamico e ricco riuscendo a muoversi egregiamente fra i vari filoni interni al genere.

Se infatti il primo capitolo è di stampo esclusivamente, o quasi, classico, la seconda traccia si dirige su territori progressivi sfruttando numerosi cambi di tempo e avvalorandosi di un apporto atmosferico suadente che si diletta a dar manforte all'umore cangiante lasciando all'atto conclusivo il tempo di esprimersi in maniera più maligna e pesante. Quello che ne vien fuori è in pratica un'uscita che di black, death e thrash adorna l'attimo per renderlo oscuro più che aggressivo o onirico più che greve, non esiste staticità sonora né emotiva.

Ruolo fondamentale per la riuscita di tale visione lo gioca la voce di Markus abile nel districarsi con un growl/scream capace di intersecarsi all'interno delle canzoni con una cattiveria indiscutibile, ma altrettanto intensa nell'evocare sensazioni più alte e dal retrogusto amaro qualora decida d'imporsi con il cantato pulito.

"Angel" è un ep da ascoltare e riascoltare, a ogni passaggio se ne scopre un particolare che ne valorizza ancor più l'esistenza, non si può far altro che farlo girare a ripetizione nello stereo nell'attesa di un nuovo lavoro di lunga durata e il passo successivo potrebbe essere quello da incorniciare.

 

Facebook Comments