ATACAMA DEATH EXPERIENCE – Wasted Time And Broken Bones | Aristocrazia Webzine

ATACAMA DEATH EXPERIENCE – Wasted Time And Broken Bones

 
Gruppo: Atacama Death Experience
Titolo:  Wasted Time And Broken Bones
Anno: 2014
Provenienza:  Italia
Etichetta: Cimmerian Shade Recordings
Contatti:

Facebook  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Fleece Of Time
  2. Useless Blues
  3. Rotten Clouds
  4. Wasted Time And Broken Bones
DURATA: 25:55
 

Esordienti con i coglioni cubici: in tal maniera potremmo sbrigativamente descrivere gli Atacama Death Experience, duo di Rovereto formato da Romano "Malaciort" Monero (basso e voce) e Antonio Iodice (batteria) che ha sfornato agli inizi di quest'anno l'ep di debutto, "Wasted Time And Broken Bones".

I Nostri definiscono la propria proposta "nihilistic blues from the middle of nowhere", ma è una storia molto più caustica quella raccontata dai quasi ventisei minuti di cui si compone il disco. Pezzi come "Fleece Of Time" e "Rotten Clouds" mettono infatti in bella mostra uno Sludge nero, acido e monolitico: la struttura musicale, in virtù di una costruzione affidata unicamente a basso e batteria, è maledettamente essenziale, tuttavia anche squisitamente abrasiva e cupa. Gli Atacama Death Experience fanno dell'oppressione sonora classica del genere la propria arma principale e costruiscono atmosfere soffocanti, miasmatiche e in aggiunta lievemente infettate da rancorose puntate in territori Crust.

In episodi come "Wasted Time And Broken Bones" e "Useless Blues" viene invece utilizzato un approccio un po' differente: pur mantenendo intatta la dose di atmosfere asfissianti, qui è un impianto più Stoner a farla da padrone. Ci troviamo appunto sparato nei padiglioni auricolari un suono desertico dannatamente ruvido e corrosivo, il quale ci rimanda a gente come Bongzilla e Weedeater, seppure sia stato messo da parte il lato più musicalmente "drogato" dei succitati in favore di una progressione sonora molto più greve e acrimoniosa.

La scelta di utilizzare unicamente basso e batteria, uniti a una voce sporca e livorosa, è senza dubbio una delle chiavi di volta della proposta del duo, poiché il risultato si trascina sempre appresso la perfetta dose di profondità e di astio che un disco simile dovrebbe per forza contenere.

Se siete dunque amanti dello Sludge e dei caustici prodotti che ne derivano, gli Atacama Death Experience fanno di certo per voi e sono pronto a scommettere che ne vedremo ancora delle belle seguendoli attentamente. Fidatevi, ascoltare questo lavoro non sarà assolutamente tempo sprecato… Ossa rotte sì, ma tempo sprecato no.