BAD BRAINS – Into The Future

BAD BRAINS – Into The Future

 
Gruppo: Bad Brains
Titolo:  Into The Future
Anno: 2012
Provenienza:  U.S.A.
Etichetta: Megaforce Records
Contatti:

Sito web  Facebook

 
TRACKLIST

  1. Into The Future
  2. Popcorn
  3. We Belong Togheter
  4. Youth Of Today
  5. Rub A Dub Love
  6. Yes I
  7. Suck Sess
  8. Jah Love
  9. Earnest Love
  10. Come Down
  11. Fun
  12. Make A Joyful Noise
  13. MCA DUB
DURATA: 37:32
 

I Bad Brains sono sempre stati una formazione particolare, definirli unicamente "hardcore" è un limite, anche se è innegabile che siano fra i pionieri del genere e lo stesso Henry Rollins degli immensi Black Flag ne abbia spesso e volentieri decantato le lodi. Limite già, perché la band rastafariana ha avuto un'evoluzione personale che l'ha resa unica e distinguibilissima grazie alle influenze reggae, dub, jazz e alle scorribande metalliche. Ascoltando quelli che vengono reputati i capitoli fondamentali del progressivo cambio di direzione stilistica ("Rock For Light", "I Against I" e "Rise", quest'ultimo contestatissimo dai fan di vecchia data), avrete all'orecchio tre versioni difformi di ciò che erano.

Il 2012 rivede la band nuovamente con la formazione originale: H.R. alla voce, Dr. Know alla chitarra, Darryl Jenifer e Earl Hudson rispettivamente al basso e alla batteria; e con un nuovo disco, "Into The Future", pronto a coinvolgere.

Il titolo è a mio avviso fuorviante, infatti mettendo su l'album sembra di rivivere il "Back To The Future" nel quale Marty McFly, personaggio interpretato da Michael J. Fox, compie un viaggio a ritroso nel tempo. La proposta degli statunitensi guarda decisamente indietro, agli anni Ottanta che li hanno visti particolarmente attivi in termini di sound e l'impatto è dirompente grazie dapprima alla ritmata titletrack, nella quale i musicisti sono abili nell'allentare la presa rendendola mefitica e poi ripartire in corsa, per poi slanciarsi nella successiva e affascinante "Popcorn". Ditemi in quanti di voi ascoltando questo pezzo si saranno detti: "Anthony Kiedis facci un favore, prendi nota"; i Red Hot Chili Peppers forse udendola potrebbero rendersi conto di quanto facciano schifo odiernamente.

Il quartetto è veloce e irriverente in brani come "We Belong Togheter", "Yes I" e "Fun", ballabile in "Jah Love", deciso e prestante in "Earnest Love" e solare, quasi sornione in "Make A Joyful Noise". Gli anni, i vari scioglimenti e i rientri sulla scena, la sensazione che alti e bassi l'avessero avuta vinta pare non abbiano pesato sulla loro vena artistica che in questo lavoro sembra florida, magari non brillante come lo era nei momenti topici, ma ispirata quanto basta a consegnarci un lavoro che sa il fatto suo.

"Into The Future" è talmente old school da essere tremendamente attuale, non si è mai certi di cosa i Bad Brains possano tirar fuori dal cilindro, in questo caso è un regalo indirizzato ai fan che non li hanno mai mollati, non c'è però nostalgia, il loro passato è il futuro che avanza, voi ne volete far parte? Premere "play" vi sarà sicuramente d'aiuto.

 

Facebook Comments