BAPHOMET’S BLOOD – Second Strike

Informazioni
Gruppo: Baphomet's Blood
Anno: 2008
Etichetta: Iron Bonehead
Autore: G.B. Morbosus

Tracklist:
1. Second Strike
2. Baphomet´s Blood
3. Baphometal
4. Army Of The Night
5. Satanic Force
6. Burn In Hell
7. Speed, Fast, Loud
8. Speed Metal Earthquake
9. Making Noise And Drinking Beer

DURATA : 38:46

Se avessi ascoltato questo album senza sapere nulla della band avrei pensato che si trattasse di un album del 1981, vi assicuro. Non di certo del 2008. Ma partiamo dall’inizio; I Baphomet’s Blood nascono nel 2002, ad Ascoli Piceno, come side proect di R.R. Bastards e Necrovomiterror, rispettivamente voce/basso e batteria dei Blasphemophagher. L’idea della band parte da Necrovomiterror, grandissimo cultore dello speed metal di inizio anni ‘80, con l’intento di riportare alla luce quelle sonorità. Altra grandissima influenza per i due marchigiani sono i Motorhead, per cui perpetrano un culto assoluto. Guardando la line-up si nota che i due ragazzi si sono invertiti i ruoli qui, ovvero Necrovomiterror si occupa di voce e chitarra e R.R. Bastards della batteria, e per completare la formazione hanno preso l’amico Angel Trosomaranus (degli Hatred, grande band thrash!) alla chitarra solista, e S.V. Goat Necromancer (Goatized, e fidanzata di Necrovomiterror) al basso. Dopo un primo demo e un full nel 2006, i nostri raccolgono durante le date dal vivo un grandissimo riscontro positivo, che li porta a incidere questo nuovo lavoro.
Come dicevo più su, è un disco del 2008, ma suona davvero come se fosse stato registrato nei primi anni ‘80, quindi innanzitutto un plauso a Manuele Marani, produttore di questa meraviglia. Le chitarre macinano Riff su Riff, con un suono che avrebbe fatto invidia ai primi Exciter, graffiante e assolutamente retrò; La batteria si sente molto bene, senza coprire gli altri strumenti come a volte accade. Ma il pezzo forte della situazione è la voce di necrovomiterror, che differentemente dal primo album qui è praticamente identica a quella di Lemmy.
Ma andiamo avanti, e appoggiamo il vinile sulla piastra. Dopo un arpeggio iniziale, si parte subito con l’adrenalina a mille, e i pezzi scorrono via che è un piacere. Non c’è noia in questo lavoro, vi ritroverete a tenere il tempo con il piede o con la testa, ve lo garantisco. la iniziale “Baphomet’s Blood” è solo il primo dei tanti cori tutti da cantare sotto il palco, con il suo ritornello trascinante, e poi seguono “Baphometal”, “The Army Of The Night” fantastica con il suo intro tratto dal film “The Warriors” (Can You Dig It?!?!)e un coro da antologia: “We Are The Army Of The Night, We Kill For Satan and Ready To die”, segue “Satanic Force” che conclude il primo lato. Giriamo il vinile e per iniziare bene troviamo la canzone che preferisco in tutto il lotto. “Burn In Hell”, autentico inno contro ogni poser, e anche qui ci ritroveremo a cantare il ritornello con foga e rabbia “Satan Takes The Soul, Cursed This Stupid Life, Burn All The Flesh Of These Stupid Poser People! Burn In Hell”! Seguono la veloce “Speed, Fast, Loud” e “Speed Metal Earthquake” con la sua irruenza. L’album si chiude alla grande con “Making Noise And Drinking Beer”, cover dei teutonici Tyrants, e altro pezzo epocale. Meraviglioso il ritornello, che rappresenta appieno quello che è lo scopo dei Baphomet’s Blood, che ricordiamo essere parte del club Alcolisti Millenari; “We Stay Together, Right Up Here, Making Noise And Drinking Beer.. Until I Die!”
Altra cosa positivissima, il lato estetico. Partendo dalla copertina, assolutamente splendida nel suo stile anni ottanta, arrivando al vinile di colore rosso, tutto è ben curato e all’interno troviamo un . Ottimo il lavoro della Iron Bonehead da questo punto di vista!
Tirando le somme, abbiamo un ottimo album, che ogni maniaco del metal anni ottanta dovrebbe cercare di recuperare; E una band in forma perfetta che merita di essere lodata sia su disco che in sede live.

Facebook Comments