BETA TYRANT – Crushed

 
Gruppo: Beta Tyrant
Titolo: Crushed
Anno: 2017
Provenienza: Italia
Etichetta: ghost.city collective
Contatti:

Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Floating
  2. Spider's Nest
  3. Neighbour
  4. Crashed
DURATA: 18:29
 

Spolverate la vostra Playstation modificata e attaccate la presa SCART al vostro televisore, munito di tubo catodico. Forse pochi se lo ricordano, ma la vecchia console di casa Sony leggeva i CD musicali. Inserite "Crushed", prima opera dei Beta Tyrant, nel lettore e date l'avvio sui tasti violacei in sfondo blu che vi appaiono sullo schermo. Questo è il modo corretto di ascoltarlo.

Beta Tyrant fa parte del ghost.city collective. Se ci seguite da un po', saprete che abbiamo imparato ad amare il collettivo di Pordenone, che ci propone — spesso e volentieri — musica elettronica di nicchia, pensata solo per chi ha voglia di scavare nell'underground per portare alla luce tesori alquanto bizzarri.

"Crushed" è composto da glitch, qualche beat dal sapore lo-fi, momenti dark ambient e noise, mescolati in un frullatore singhiozzante che crea un impasto psichedelico vomitante ansia e panico. Se non siete abituati a questo sound, non vi fate scoraggiare dall'impenetrabilità della prima traccia "Floating", perché nelle successive si può sentire un progressivo spostamento verso lidi più accessibili, sempre tenendo presente la natura sintetica, a bassa densità di poligoni, del progetto.

Non credo, però, di aver reso l'idea della musica qui contenuta in maniera adeguata. Permettetemi di redimermi con una metafora: immaginate di recuperare una vecchia copia masterizzata di qualche survival horror di fine anni '90, partorito dalla fantasia di uno sviluppatore giapponese con seri problemi sociali e di igiene. Non vi azzardate a pulirla, inseritela così com'è, con tutta la polvere, e avviate il videogame. Giocatelo, gustatevi in questo modo i dolci bug e freeze che l'intrattenimento videoludico vi offrirà nelle prossime ore. Consumate così tutta la vostra serata senza pause, senza preoccuparvi di portare a compimento il gioco.

Ora che avete fatto tardi davanti al televisore cablato e i vostri occhi sono stanchi, andate a stendervi a letto e cercate di dormire, senza smettere di pensare a quel livello che non siete riusciti a superare. Immaginate di addormentarvi, dopo parecchie ore passate a rimuginare su quale potrebbe essere una soluzione all'enigma che non vi ha lasciato continuare la vostra avventura; godetevi i sogni irrequieti che questa vostra fissazione vi avrà provocato. Ecco, in pratica "Crushed" suona esattamente come questi incubi, condensati in diciotto minuti di musica. Ne sentivate il bisogno, non è vero?

Facebook Comments