BLACK FLAME – Necrogenesis: Chants From The Grave

Gruppo:Black Flame
Titolo:Necrogenesis: Chants From The Grave
Anno:2019
Provenienza:Italia
Etichetta:Dusktone
Contatti:Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp
TRACKLIST

  1. Necrogenesis
  2. Atra Mors
  3. Morbid Worship
  4. Reverse Chants And Rusty Nails
  5. The Breath Of The Mud
  6. From My Depths
  7. Mater Larvarum
  8. A Grave Full Of Serpents
DURATA:42:49

Sono passati ben quattro anni dall’ultima prova in studio dei nostrani Black Flame, che più o meno da Imperivm — uscito nel 2008 per la Forces Of Satan di Infernus dei Gorgoroth — hanno cominciato a darsi più tempo per completare i loro cattivissimi rituali discografici. Necrogenesis: Chants From The Grave segue il percorso fatto di maturazione e limature tecniche intrapreso dal quartetto piemontese, e vede nuovamente coinvolto nella produzione, nel missaggio e nel mastering il buon Federico Pennazzato dei Death SS.

Comincerei col parlare proprio di questi aspetti tecnici, per descrivere l’atmosfera diabolica del sound dei Black Flame nel 2019: meno gonfia e più definita già rispetto al precedente The Origin Of Fire (2011, Avantgarde Music), la muscolatura dei canti dalla tomba pone l’accento sui dettagli, sulla cura che Cardinale Italo e soci ripongono nell’eseguire questi otto brani. Un florilegio di mazzate che non esclude colpi bassi, e che dopo l’intro al profumo di zolfo ci colpisce dritti in faccia con “Atra Mors”, ovvero l’estinzione spiegata bene. “Morbid Worship” fa il paio con “Reverse Chants And Rusty Nails”, e insieme preparano un bagno di sangue che Contessa Báthory spostati, grazie. La musica del gruppo pare aver trovato una quadratura che se non è perfetta poco ci manca, ed è capace di assalti frontali indiscriminati senza comunque perdere in termini di precisione tecnica e cura dei particolari: “The Breath Of The Mud” e “Mater Larvarum” sono esempi virtuosi di questa capacità di scrittura, coniugata a un’esecuzione impeccabile e a una registrazione distinta e puntuale. L’asticella dei Black Flame si è definitivamente spostata su un black-death metal così nero che non se ne vede il fondo, ed è bellissimo scoprire che si può ancora fare musica così cattiva con questo livello di serietà; perché i quarantatré minuti di Necrogenesis non sono semplicemente canonici, sono proprio interessanti.

Un plauso ai ragazzi (e alla Dusktone), che con quest’album aggiungono un nuovo capitolo a una carriera senza sbavature, e si consacrano — nel senso più blasfemo del termine — fra i migliori act estremi del panorama italiano.

Facebook Comments