BLACK RAINBOWS – Carmina Diabolo

 
Gruppo: Black Rainbows
Titolo: Carmina Diabolo
Anno: 2010
Provenienza: Italia
Etichetta: Longfellow Deeds
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Reverbnation  Last.fm  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Himalaya
  2. Babylon
  3. Under The Sun
  4. What's In Your Head
  5. Bulls & Bones
  6. Carmen Diabalo
  7. In The City
  8. Return To Volturn
  9. The Witch
  10. Space Kingdom
DURATA: 44:52
 

Abbiamo già incrociato i romani Black Rainbows con una intervista, è quindi un obbligo morale dedicare uno spazio anche al lavoro discografico da poco rilasciato. A distanza di tre anni da quel bel debutto intitolato "Twilight In The Desert", si sono ripresentati in versione decisamente più energica e birraiola con "Carmina Diabolo".

Immaginate di essere nel deserto, stereo a palla, una birra ghiacciata e un paio d'amici con cui urlare a squarciagola senza che nessuno possa interrompere il vostro divertimento: che figata! È questa la sensazione che il disco mi ha trasmesso dopo vari ascolti, legata al sound di Palm Desert, a gente come i Kyuss e alla loro derivazione in chiave meno desertica Q.O.T.S.A., passando per le influenze settantiane di Led Zeppelin, Black Sabbath e i sempreverdi Hawkwind. Il disco è un terremoto che non lascia possibilità di scampo: ve lo godrete dal primo all'ultimo secondo, quindi niente riempitivi da saltare, soltanto un ascolto continuo.

Le canzoni sono una più bella dell'altra, trascinano ed esaltano già dall'apertura "Himalaya": è chiaro che chi avesse intenzione di tenere il muso dovrà andare fuori dalle scatole quando entreranno in gioco certi ritmi dediti allo sbattimento rock come quello di "Babylon" e il suo campanaccio, la fresca e ultra-orecchiabile "Under The Sun" (con quel ritornello da cantare a ripetizione fino a stordirsi) e una "What's In Your Head" in cui la figura di Homme fa capolino pesantemente data l'evocatività che il brano sembra chiamare volutamente in causa. "Carmen Diabalo" è breve quanto intensa, scura e ritualistica, mentre tocca a "Space Kingdom" detenere la palma di brano portatore sano di psichedelia spaziale e la sua forma eterea e onirica conduce alla conclusione di "Carmina Diabolo", librandosi sulle ali delle note sorretti soltanto dal pensiero.

I Black Rainbows dimostrano una maturazione ormai pienamente raggiunta e una attitudine da nerd scanzonata, cioè la capacità di spassarsela componendo brani con le palle, dote riscontrabile solo in alcuni generi: provate a esempio ad ascoltare "California Crossing" dei Fu Manchu e capirete cosa intendo dire. Chi segue il movimento stoner e i suoi derivati non si lasci scappare l'uscita di questi ragazzi, c'è di che stare allegri e in Italia a quanto pare stiamo iniziando a divertirci sul serio.

Facebook Comments