BLASPHEMY – Gods Of War / Blood Upon The Altar

 
Gruppo: Blasphemy
Titolo: Gods Of War / Blood Upon The Altar
Anno: 1993
Ristampa: 2007
Provenienza: Canada
Etichetta: Ordo Decimus Peccatum
Contatti:

Sito web  Facebook

 
TRACKLIST

  1. Intro – Elders Of The Apocalypse / Blood Upon The Altar
  2. Blasphemous Attack
  3. Gods Of War
  4. Intro / Atomic Nuclear Desolation
  5. Nocturnal Slayer
  6. Emperor Of The Black Abyss
  7. Intro / Blasphemy
  8. Intro / Necrosadist
  9. War Command
  10. Empty Chalice
  11. Ross Bay Intro
  12. War Command
  13. Demoniac
  14. Intro To Weltering
  15. Weltering In Blood
  16. Ritual
  17. Nocturnal Slayer
  18. Blasphemy
  19. Blasphemous Attack
DURATA: 41:52
 

Eccomi a sfidare me stesso, recensendo questo album. Non che sia un lavoro "difficile" o complesso, ma la difficoltà intrinseca sta nel fatto che se andassi ad analizzare il livello tecnico del disco dovrei stroncarlo, visto e considerato che i Blasphemy non fecero loro cavallo di battaglia orpelli come produzione pulita o una composizione variegata. Quindi cos'abbiamo in mano? Diciannove tracce di pura follia, di musica annichilente, di un furioso incrocio fra death e black metal, letale come una colata di rifiuti tossici che fuoriesce dal nucleo di un reattore nucleare collassato, spargendo tutto intorno radiazioni che cancellano ogni organismo vivente. Forza, quindi! Preparate cartuccere, bracciali con chiodi da venti e maschere antigas, senza dimenticare i contatori geiger che ci addentriamo nel caos radioattivo.

A parte l'importanza storica del titolo che di per sé ha dato poi il nome al genere (da qui nasce il war metal, appunto), come ogni vinile è suddiviso in due lati: nel lato A chiamato "Apocalypse Side" c'è l'album vero e proprio, dieci canzoni per venti minuti circa di apocalisse nucleare. Mentre nel lato B, chiamato "Abyss Side", troviamo la ristampa del loro demo del 1989 "Blood Upon The Altar", inserita dalla Osmose per compensare la corta durata della scaletta. In totale ci troviamo quindi per le mani quaranta minuti di visioni apocalittiche che vi trascineranno nei meandri del caos.

Ora non posso e non voglio mettermi ad analizzare le canzoni una per una, perché non avrebbe senso e renderebbe questa recensione noiosa. Vi basti sapere che se cercate tecnica, virtuosismi, pulizia sonora e produzione cristallina, questo lavoro vi farà inorridire. Se invece, come me, siete appassionati di marciume e caos, fate vostro questo disco in qualsiasi formato lo troviate.

L'edizione che sto analizzando è quella edita dalla Ordo Decimus Peccatum, ristampata con una copertina differente. Purtroppo è un po' scarna e oltre al vinile troviamo solo un bel poster. Da questo punto di vista la Nuclear War Now! resta sempre su un altro pianeta.

Facebook Comments