BLOODLUST – Cultus Diaboli

 
Gruppo: Bloodlust
Titolo: Cultus Diaboli
Anno: 2015
Provenienza: Australia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Sito web  Facebook

 
TRACKLIST

  1. Apocalyptic War Command
  2. Sworn Servant Of The Devil
  3. Black Blood Of Satan
  4. Rex Inferni In Terra (The Antichrist Enthroned)
  5. Crowned In Black Fire
  6. Infernal Bloodlust
  7. Spell Of The Raven Witch
  8. Iron Tyrants
DURATA: 36:24
 

Il freddo norvegese era il substrato ideale per il Black Metal, genere oggi famoso o famigerato se si preferisce. La calura australiana è invece la feconda madre del Thrash brunito che risplende fiero sotto i raggi del sole cocente: senza gruppi come Deströyer666 oppure Gospel Of The Horns, il paesaggio metal sarebbe meno interessante. Dal 2011 un nuovo partigiano si annuncia all'appello: il duo Bloodlust. I musicisti di Perth — già attivi in formazioni meno note alle nostre latitudini — ci provocano con "Cultus Diaboli", il debutto su cassetta a tiratura limitatissima, già esaurito e allo stesso tempo una sorta di antologia dei lavori passati.

Rabbia e violenza sono gli attributi tipici per lo stile. Questa volta incontriamo però anche timidi accenni melodici che rendono particolarmente chic l'ascolto. Le composizioni sono all'altezza dei conterranei Nocturnal Graves e Assaulter, con la loro vivacità e pazzia tipica per il Paese dei canguri. Gli aguzzini Spectre (basso e voce) e Disaster (batteria e voce) restano ligi alla tradizione, sfruttando ritmi marziali e tremolo, ma non rifiutano la giocosità, inserendo sonorità e cambiamenti di ritmo poco abituali per il Thrash nero. Ve ne accorgerete ascoltando "Sworn Servant Of The Devil" oppure "Rex Inferni In Terra".

Il disco dura meno di quaranta minuti, tuttavia con la sua offerta di spunti interessanti sa intrattenere come se fossero cento. L'ottima padronanza degli strumenti rende inoltre possibile ai musicisti la realizzazione di idee a volte astruse e perfettamente coerenti nell'insieme. Anche se siamo in Australia, i Bloodlust non si vergognano di svagare nelle lande del classico metallo britannico, di sniffare un poco di ruggine grattata dal buon vecchio Thrash americano oppure di presentare disinvoltamente una facciata Rock'N'Roll.

Considerata l'avvincente evoluzione mostrata in questa raccolta di demo ed EP, i Bloodlust sono da tenere d'occhio. Accontentiamoci per ora di festeggiare l'estate, adornandoci di cartuccere, catene e cuoio nero, scuotendo la testa ai ritmi di "Cultus Diaboli".

Facebook Comments