BLOODY BROTHERHOOD – Don’t Break The Circle

Gruppo:Bloody Brotherhood
Titolo:Don’t Break The Circle
Anno:2019
Provenienza:Spagna
Etichetta:Dead Sheep Productions
Contatti:Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Into The Darkness
  3. Kingdom Of Evil
  4. Don’t Break The Circle
  5. The Impaler
  6. I’m The Shadow (We Are The Shadow)
  7. Massacre In The Gates Of Fire
  8. Sword Of Ignorance
  9. Death To False King
  10. Destroyer
  11. Behind The Sacrifice
  12. Outro
DURATA:01:04:25

La formazione basca dei Bloody Brotherhood ritorna sulle nostre pagine, a distanza di due anni dallo split che la vedeva in compagnia dei connazionali Karonte, con un album nuovo di pacca. Il secondo disco della band si intitola Don’t Break The Circle e ha ancora le idee chiarissime: death metal che segue i sentieri tracciati dai signori del genere sul finire degli anni Ottanta e nei primi Novanta, mostrando una particolare devozione verso la scena statunitense, ma comunque puntando a più riprese quella europea, specialmente scandinava. Individuare i tanti artisti chiamati in causa non sarà difficile…

Partendo da una base simile, da un lato viene lecito considerare questa prova come sin troppo derivativa, dall’altro ritengo però i Bloody Brotherhood in grado di gestire le numerose influenze degnamente. La scaletta sfodera una serie di brani brutali e piacevoli tanto nelle fasi di martellamento che nei rallentamenti malevoli, talvolta intrisi di un’aura tendente al doom, quali “Kingdom Of Evil”, “Sword Of Ignorance” e “Behind The Sacrifice”), diversificando così l’andazzo ritmico.

In definitiva, Don’t Break The Circle è un album robusto e basilare, il cui maggior difetto risiede nella durata eccessiva (oltre un’ora), ma che scorre senza intoppi particolari, confermando la sincera passione nutrita dai Bloody Brotherhood per il periodo d’oro del death. In attesa che il gruppo basco possa realizzare qualcosa di davvero notevole, ci restano spunti ideali per una salutare scapocciata e ciò potrebbe anche bastare a qualcuno.

Facebook Comments