BLOODY VOMIT BUKKAKE – The Hikikomori Geisha Circus

BLOODY VOMIT BUKKAKE – The Hikikomori Geisha Circus

 
Gruppo: Bloody Vomit Bukkake
Titolo:  The Hikikomori Geisha Circus
Anno: 2010
Provenienza:  Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Enter The Circus
  2. Hentai Clown Ectasy
  3. Futanari Juggler Loli
  4. Bondage Fire Eater
  5. Heavenly Ecchi Break
  6. Tightrope Walker Orgasm
  7. Dark Otaku Illusionism
  8. It's Over Baby
DURATA: 17:00
 

Il Lolicore è una corrente musicale nata nel 2006 per merito dello svedese Loli Ripe, che con l'album "Ecce Pedo" ne pone le basi: suono estremo e ruvido di base Speedcore/Noise che contrasta con voci femminili acute rimembranti molto quelle di una bambina.

Il nome deriva proprio da questa caratteristica, ovvero dall'unione tra la parola lolita (che significa ragazzina) e il suffisso -core. Il Lolicore prende spesso ispirazione dalla cultura Otaku, è frequente infatti l'uso di samples presi da anime; altrettanto frequenti sono i remix di canzoni aumentate di frequenza in modo da ottenere l'effetto loli. Musicalmente non esistono limiti di genere: si passa dallo Speedcore di Loli Ripe e Laser Imouto, alla Breakcore di Lolishit e Goreshit, alla Noise di Nelvoroth; ultimamente sono nati anche progetti Trance e Cybergrind.

Se mi avessero parlato di questo genere un paio d'anni fa avrei dato dei malati sia agli ascoltatori, sia a chiunque si fosse cimentato in tale pratica, oggi invece avendo ascoltato uno dei nostri produttori italiani, fra l'altro ormai abbastanza conosciuto sulle piattaforme download e su siti quali Myspace e Last Fm, mi sento lentamente non dico appassionato, ma interessato sì.

I BVB (Bloody Vomit Bukkake) sono in realtà un progetto solista, l'uscita in free download (come del resto quasi tutte quelle del filone in genere) di cui mi accingo a scrivere è forse quella che ha inciso maggiormente sull'evoluzione sonora di questa strana realtà.

Pur mantenendo un'attitudine malata da porno grinder, l'uso delle vocine da lolita a fare da costante richiamo all'interno dei brani, le atmosfere dell'ultimo "The HikiKomori Geisha Circus" hanno intrapreso una direzione scura e ancor più delirante rispetto al già insano passato.

Che sia la visione circense a fare da filo conduttore nelle tracce ve ne renderete conto sin da subito, i campioni bislacchi che riportano alla sensazione d'esser schiaffeggiato da un clown impazzito e i loop continui e ficcanti martellano la testa assorbendovi totalmente. Al contrario dei precedenti lavori però vi è minor uso della velocità sparata fine a se stessa, tale componente è stata sostituita da scelte ipnotiche che in "Tightrope Walker Orgasm" e "Dark Otaku Illusionism" diventano consistenti e ossessive.

La seconda è il piatto forte del disco, i toni orrorifici estesi dall'ottimo utilizzo fatto dei sintetizzatori e da quel lamentarsi continuo che la sequenzialità di battute va ricreare è similarmente paragonabile a una tormentata flagellazione. Insieme a queste tracce già citate spicca una "Futanari Juggler Loli" che con ritmica deviata da ballo sfrenato sarebbe adatta da esibire in serate dedite all'ebm, un salutare e scatenante divertimento su di una base solida come un mattone.

Sì, molti punteranno il dito dicendo che creare musica pigiando solo dei tasti è una stupidaggine, beh, se pensiamo a chi compone ambient in ambito black come in altri settori metal dove comunque le one man band proliferano, come il death/grind o il war metal, alla fine non è che ci sia molta differenza se non la passione che si sceglie di seguire.

Se amate il mondo Jappo, Anime, Manga e tutto ciò che ne consegue sarà come fare un tuffo in quella cultura, solo trasportata in musica, riuscendo così ad andare oltre il lato buffo e stereotipato delle situazioni che per lo più si conosce. Se è questo ciò che vi piace BvB fa per voi.

 

 

 

Facebook Comments