BLUT AUS NORD – 777 Sect(s)

Gruppo:Blut Aus Nord
Titolo:777 Sect(s)
Anno:2011
Provenienza:Francia
Etichetta:Debemur Morti Productions
Contatti:Facebook  Bandcamp  Spotify  Soundcloud
TRACKLIST

  1. Epitome I
  2. Epitome II
  3. Epitome III
  4. Epitome IV
  5. Epitome V
  6. Epitome VI
DURATA:45:26

Cosa attendersi ancora dai francesi Blut Aus Nord? Non lo so davvero, tutto è possibile. Dopo aver avuto il piacere di assaporare la ristampa del capolavoro The Mystical Beast Of Rebellion, mi trovo fra le mani un 777 Sect(s) che percorre la strada già intrapresa da capitoli quali Odinist – The Destruction Of Reason By Illumination sino all’EP What Once Was… Liber I. Non vi è ritorno all’antico, quanto un’esasperata ricerca del decadente che segna inevitabilmente il territorio.

Quarantacinque minuti che non lasciano da parte le caratteristiche classiche della band: il riffato dissonante e cervellotico è ancora presente (“Epitome I – III”); le melodie e i sintetizzatori sono usati per invogliare l’ascoltatore alla caduta morale (“Epitome II – IV – “VI”); è però la scelta atmosferica che punta su una espansione eterea e fluttuante, colma di una gassosa coltre nebulosa che inganna lo sguardo, a mettere in costante stato d’allerta forse più che in passato. Tutto ciò insieme alle soluzioni impreviste — la più lampante è l’adoperarsi della batteria elettronica sul finire del primo episodio — rende 777 Sect(s) un album che si è costretti a far girare vorticosamente nello stereo per entrarvi in contatto e sviscerarlo alla stregua di qualsiasi altra produzione dei francesi.

Pensate a un flusso energetico che aumenta esponenzialmente di botto la sua consistenza nelle tracce più pimpanti e martorianti, per divenire poi flebile e spettrale nelle situazioni dal respiro appena accennato, una dualità esecutivo-ambientale che contamina il lavoro, con la risultante di creare uno squilibrio voluto, perseverante nel modellare un simil incubo che ha lo scopo di attanagliare. Più vi sembrerà di esser al di fuori del campo d’azione della musica, più in fretta tale pensiero verrà smentito da una bordata emotiva improvvisa che vi trancerà le gambe di netto.

A quanto pare il disco è il capitolo iniziale di una trilogia, sarà quindi complicato prevedere come i Blut Aus Nord decideranno di condurre il gioco, poiché sinora si è rimasti saldamente afferrati a una forma psichedelica disturbata che non potrà passare sicuramente inosservata ai fedeli fruitori del malevolo mondo emerso sin qui nei loro antecedenti lasciti. I Nostri stanno ancora cercando l’assetto adeguato per far sgorgare appieno il messaggio maligno in tutta la sua espressività, ma la strada intrapresa sembra proprio essere quella giusta, vedremo cosa porterà il futuro. Di certo se siete rimasti “delusi” dalle prove citate in alto, vi verrà alquanto difficile riuscire ad assimilare 777 Sect(s), un ennesimo stimolante, avventuroso e oscuro viale lastricato di pericoli per la mente che i Blut Aus Nord ci stanno invitando subdolamente a percorrere. Se non avete avuto alcun timore in passato, perché privarvi di un’opera così adesso? Non fatelo, giungete in fondo e lì troverete la ricompensa che vi spetta.

Facebook Comments