BOILER – Atüla Der Druckluftkönig

 
Gruppo: Boiler
Titolo:  Atüla Der Druckluftkönig
Anno: 2008
Provenienza:  Germania
Etichetta: 666 Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Emil, Mimi & Loni
  3. Richter
  4. Respect & Honour
  5. Radical Spastic Impact
  6. Schuldzuweisung
  7. Beer Based Disorientation
  8. Mütze Aus Mensch
  9. Bush Funk
  10. Krankenhaus
  11. Kind Isst Eig'nen Mund
  12. Korrektverhalter
  13. Viel Spass Noch
  14. Fürchtet Euch
  15. Human Pen
  16. Zuckerwatte Als Frisur
  17. Outro
DURATA: 30:50
 

Formazione tedesca che propone un death-grind diretto puntando quindi su velocità, impatto e stacchi improvvisi seguiti da folli ripartenze, scegliendo però di puntare su scelte di produzione che, se paragonate a quelle in dote a tante altre uscite del genere, risultano essere più nitide.

Dai Boiler non ci si può attendere né tecnicismi da maestro né voli pindarici, giocano a far male, il vocione gutturale arricchito da devianze suine di Mario è divertente, anche se ormai strabusato, e il lavoro sia delle chitarre, riff ben composti, che batteria, dinamica e ben strutturata, si mantiene su buoni livelli, mentre il basso viene invece alquanto penalizzato e spesso sovrastato dal resto, peccato dato che il suo compito lo svolge onestamente.

Il suono squillante del rullante è azzeccato e l’impostazione solida dei pezzi di lunga durata è vincente, sono proprio quelli i brani in cui la band mostra le sue capacità e quindi quelli da tenere d’occhio, "Radical Spastic Impact", "Beer Based Disorientation" e "Fürchtet Euch".

Diciassette tracce che durano trenta minuti cosa volete che diano se non la voglia di scapocciare freneticamente? Un disco che dirompente e a tratti scanzonato, ma che manca probabilmente di quel pizzico d'originalità che gli avrebbe dato quel quid in più. Con tutta probabilità è dal vivo che si potrà davvero percepire la bontà delle canzoni e il giudizio penderà più a loro favore, una sede nella quale si avrebbe l'opportunità di assistere a ciò che realmente la band ha da dare.

Augurando loro di riuscire a creare nel prossimo futuro qualcosa di completo e maturo partendo da queste folli e dinamitardi basi, ve ne suggerisco l'ascolto.

Facebook Comments