BOMBS OF HADES – Chambers Of Abomination

 
Gruppo: Bombs Of Hades
Titolo:  Chambers Of Abomination
Anno: 2010
Provenienza:  Svezia
Etichetta: Blood Harvest
Contatti:

Sito web  Facebook

 
TRACKLIST

  1. Corpse Holocaust
  2. Bombs Of Hades
  3. Funeral
  4. Infernal Return
  5. The Storm Is Coming
  6. Carnage
  7. Godless
  8. Master Builder
  9. The Horror Of Insanity
  10. One With Hell
DURATA: 31:21
 

Dopo l'ottimo intitolato "Carnivores" che li ha fatti conoscere al mondo, i Bombs Of Hades arrivano al debutto sotto Blood Harvest Records! Se in "Carnivores" le influenze non erano esclusivamente svedesi (con un tocco quasi primi Six Feet Under o Obituary di "The End Complete") qui siamo davvero nel reame del Death Metal scandinavo dei primi anni '90.

I richiami ai conterranei Entombed di "Left Hand Path" si sprecano, soprattutto in alcuni riff davvero clonati! Questo disco vi catapulterà direttamente nel 1991, senza via d'uscita: suono della chitarra uscito da un pedalino Boss Heavy Metal, voce alla LG Petrov e compagnia cantante.

Nell'insieme l'album è godibilissimo, soprattutto nel pezzo "Master Builder" che è un vero generatore di pogo, ma solo se si è davvero fan (ai limiti del patologico) dello Swedish Death Metal della prima ora. Devo dire, infatti, che da questi Bombs Of Hades mi aspettavo un album più personale, visto anche l'ottimo ep di esordio.

Le band che ripropongono oggi questo suono sono molte e alcune lo fanno dannatamente bene, riuscendo a dire la propria senza cadere nella pedissequa ripetizione di vecchi standard (vedi il debutto dei Morbider, degli Evocation o degli Entrails), quindi non vedo perché spendere denaro in un album sì valido, ma senza quel quid in più che lo renda unico e indimenticabile.

La cura nel creare un prodotto valido, comunque, c'è tutta, a partire dal concept album presente sul lato B del disco, completamente occupato da canzoni legate da un filo conduttore: l'orrore delle cattedrali come segno tangibile del male sulla terra. Ma questo basta? Un lavoro che consiglio solo se avete tutti gli album dei padri del suono svedese delle origini e i debut dei gruppi summenzionati… allora, in questo caso, date un ascolto anche a questo "Chambers Of Abomination" (ma prima procuratevi "Carnivores" che è una vera botta).

Facebook Comments