BURIAL MIST – December | Aristocrazia Webzine

BURIAL MIST – December

 
Gruppo: Burial Mist
Titolo: December
Anno: 2009
Provenienza: Russia
Etichetta: Satanarsa Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. When Winter Live In My Soul
  2. Dissolving In December Night
DURATA: 43:40
 

A discapito di una corposa discografia che può contare ben dieci uscite, suddivise fra sei demo, un album, un ep, uno split e una compilation, i Burial Mist non sono di certo un gruppo conosciuto. Per essere preciso dovrei parlare di one man band, dato che l'intero progetto ricade unicamente sulle spalle di Coffin Spirit. "December" è la quarta uscita datata 2009 per il ragazzo russo e nonostante si tratti di un demo viene rilasciata su etichetta, la Satanarsa Records.

La materia musicale presente nei quasi tre quarti d'ora del disco è un raw black metal che a differenza di altri progetti vagamente paragonabili nelle intenzioni (Xasthur, Nortt, Striborg) non eccede nella distorsione e nel ronzio della chitarra, sfruttando invece dei suoni che sorprendono per nitidezza visto il contesto. Purtroppo però questa chiarezza percettiva non fa che evidenziare quanto la coppia di brani offerta sia povera di spunti e di sentimento. Tolta una certa sensazione di noia amplificata dalla durata esagerata dei brani (oltre venti minuti ciascuno), rimane poco altro da segnalare, quando nemmeno un pronunciato dinamismo ritmico è sufficiente a rivitalizzare le cose. L'unico guizzo emergente può considerarsi la peculiare e inaspettata melodia di stampo folk presente sul finale di "Dissolving In December Night". Per il resto è un susseguirsi di riff, andature di batteria e scream di bassa caratura.

"December" va considerata perciò una prova pressoché amatoriale, immatura, poco incisiva e destinata a perdersi nei meandri del tempo. Cronologicamente Burial Mist ha rilasciato in seguito altre cinque opere, che a giudicare dai pezzi del Myspace paiono migliorare nettamente le cose, centrando quantomeno i canoni dello stile e mostrando decisi passi avanti. L'unico modo per approcciarsi senza scottature al mondo di questo ragazzo russo sarà perciò quello di partire dalle uscite più recenti.