BURNING SAVIOURS – Boken Om Förbannelsen | Aristocrazia Webzine

BURNING SAVIOURS – Boken Om Förbannelsen

 
Gruppo: Burning Saviours
Titolo:  Boken Om Förbannelsen
Anno: 2014
Provenienza:   Svezia
Etichetta: I Hate Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Förbannelsen
  2. Midnight
  3. The Offering
  4. Spirit Of The Woods
  5. Doomus Maximus
  6. The Nightmare
  7. I Am Lucifer
  8. Hon Dansade Med Döden
DURATA: 38:08
 

Gli svedesi Burning Saviours non sono di certo un nome nuovo per chi segue la scena Doom, essendo la formazione proveniente da Örebro in giro da una decade e più. Nonostante si fosse momentaneamente fermata nel biennio che va dal 2008 al 2010, le attività sono riprese nel periodo che va dal 2011 al 2013 con la pubblicazione di quattro singoli componenti il ciclo "Förbannelsen". Oggi l'etichetta loro connazionale I Hate Records li ha racchiusi in un'unica raccolta, intitolata "Boken Om Förbannelsen".

Chi conosce la band sa benissimo che il suono a cui è devota è quello Doom settantiano: non a caso trae ispirazione dai sempreverdi Black Sabbath e dai Pentagram (il nome Burning Saviours deriva dal brano "Burning Savior", contenuto nell'album "Day Of Reckoning"), con rimandi ad altre realtà quali Cream, Buffalo e Atomic Rooster che credo vi renderanno ancor più chiara l'idea sulla tipologia di proposta retrò, ma tutt'altro che costruita, con la quale viene reso un tributo ai grandi del passato.

In effetti, ascoltando le otto tracce inserite in scaletta si possono notare due cose: anzitutto, il fatto che i brani siano usciti come singoli uno a breve distanza dall'altro e che contengano una storia musicale e testuale che li rende affini, per non dire consequenziali, dà un vero e proprio senso al trascorrere dei minuti, poiché si viene a creare un'avanzata compatta, ben articolata, a dire il vero quasi mai sorprendente, ma che dall'inizio alla fine non mostra avere evidenti cali di qualità. Ciò grazie al buon uso delle melodie e del cantato che aumentano la fruibilità, già alta, di pezzi schiettamente "sabbathiani".

D'altro canto è possibile notare che i Burning Saviours pagano il dazio di quest'imponente derivazione stilistica dai nomi che contano e ciò si rivela essere un'arma a doppio taglio, soprattutto in un momento storico-musicale nel quale si è letteralmente inondati di dischi che vanno a ripercorrere volutamente le orme dei grandi del genere, spesso senza nulla di personale all'interno. La scelta di ricalcare pedissequamente il tracciato altrui potrebbe dunque infastidire coloro che si sono un po' stufati di leggere esaltazioni immeritate per prestazioni decisamente piacevoli, ma tutt'altro che eccelse. Chiunque viva a pane e Black Sabbath (compreso il sottoscritto) però prende atto di queste considerazioni e perlopiù se ne frega, perché questo disco compie il proprio dovere, per quanto scolasticamente.

"Boken Om Förbannelsen" è una collezione di tracce dedicata ai fan degli svedesi, un ottimo mezzo per completarne la discografia e non di certo il migliore per iniziare a conoscere una realtà con tre lavori di lunga durata in cassaforte. Se rientrate nel circolo degli ammiratori di lunga data di questi scandinavi, farla vostra potrebbe essere un'opzione da prendere in considerazione. In caso contrario vi suggerisco di indirizzare l'interesse sul debutto eponimo e se son rose fioriranno.