CAMELTOE – Up Your Alley

 
Gruppo: Cameltoe
Titolo: Up Your Alley
Anno: 2018
Provenienza: Norvegia
Etichetta: Battlegod Productions
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Delusional
  2. Screaming My Head Off
  3. Never What It Seems
  4. Tank Commander
  5. I Always Cared
  6. Twisted Fisted
  7. Coming Home
  8. Devil Soul
  9. Rocky Road
  10. Spread My Wings
DURATA: 45:00
 

Non avevo la più pallida idea di chi fossero i Cameltoe. Dal nome della band avrei potuto immaginare una formazione glam, dalla copertina un album di heavy metal tradizionale ed epico o addirittura dall'approccio doom. Invece mi sono ritrovato un quintetto di musicisti dediti a un heavy-rock alquanto orecchiabile, influenzato da gente come Dokken, Thin Lizzy, Ratt e in parte anche dagli Europe.

Il quintetto di Trondheim ha dato vita a pezzi non troppo complessi, all'interno dei quali i tempi medi la fanno da padrone, mentre la voce di Ben Rodgers rappresenta al meglio la componente capace di graffiare quanto di essere raffinata ed emotiva. "Tank Commander" esalta l'atmosfera settantiana, resa ancora più accattivante dall'ingresso in scena dell'organo Hammond. La ballata "I Always Cared" affievolisce i toni, che diventano alquanto appetibili nel singolo "Screaming My Head Off", dotato di un ritornello decisamente canticchiabile. Infine "Delusional", "Never What It Seems", "Coming Home" e "Devil Soul" mostrano i muscoli, episodi rocciosi e vivaci.

I Cameltoe sono promettenti, non sorprendono ma piacciono, essendo un concentrato di buona musica e melodia. "Up Your Alley" non dovrebbe avere particolari problemi a trovare i consensi di un'ampia fascia di appassionati. Il primo banco di prova è stato superato.

Facebook Comments