CELESTIIAL – Where Life Springs Eternal

CELESTIIAL – Where Life Springs Eternal

Informazioni
Gruppo: Celestiial
Anno: 2010
Etichetta: Bindrune Recordings
Autore: Mourning

Tracklist:
1. Spell Over Still Water
2. Great Storms Carry My Sadness
3. From Elm Blossoms a Rose
4. Offering in Cedar Smoke
5. Songbirds Depart Through the Passing Near the Garden

DURATA: 56:38

Il progetto di Tanner Reed Anderson a distanza di quattro anni dal debutto: “Desolate North”, si rilancia pubblicando un successore “Where Life Springs Eternal” sì tetro e mastodontico ma con varianti che ne particolareggiano l’incedere rispetto al funeral doom di stampo classico.
Questo nuovo lavoro infatti ha dei tratti industrial che sembrano evocare i Godflesh, suoni alle volte metallici, al limite col drone dei Sunn O)) che forniscono puri brividi che corrono gelidi lungo la spina dorsale.
Cinque tracce di cui solo due: “Great Storms Carry My Sadness” e “Offering In Cedar Smoke” offrono la sostanza anche a livello quantitativo data la loro estrema lunghezza che ne fa le parti fondamentali del disco (rispettivamente trenta e sedici minuti di durata).
L’andare sofferto eppure così strettamente legato a una visione naturale/heathenista ricopre l’ascoltatore diventando fitto pari a una cortina nebulosa quando le stratificazioni ambient si fanno più possenti e pressanti.
Lo spazio dedicato alla voce è praticamente ridotto all’osso, vengono emesse urla che trasmettono un sentore d’agonia che si espande accrescendosi con il passare dei secondi.
E’ inquietante l’atmosfera che i Celestiial riescono a sfoderare, un mantello nero sfoggiato in un rituale funebre in mezzo a un paesaggio incontaminato, morte e vita che si uniscono nel medesimo istante, una simbiosi fantastica.
La prestazione di Timothy Glen alla batteria minimale e il compito assegnato a Jason Walton (Agalloch) nel ruolo di bassista e mastering ne hanno arricchito il già discreto valore.
Un viaggio misterioso e senza meta, un percorso incantato che, per quanto vi inoltraste decidendo di scegliere direzioni alternative alla strada indicata, vi trascinerà sempre e solo all’interno di una foresta dove l’unica via d’uscita è viverla sino all’ultimo istante.

Facebook Comments