CHAOS ENGINE RESEARCH – The Legend Written By An Anonymous Spirit Of Silence

 
Gruppo: Chaos Engine Research
Titolo: The Legend Written By An Anonymous Spirit Of Silence
Anno: 2014
Provenienza: Polonia
Etichetta: Metal Scrap Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Passion's Burning Flame
  2. Critical Mass
  3. Go Away
  4. Psychotic Waltz
  5. Cruel Ultimatum
  6. Break The Chains
  7. All-Pervading Illusion
  8. Monument Of Silence
  9. Sign Of Transformation
  10. Pleasure Of Killing
  11. Night Butterfly
  12. Epilogue
DURATA: 48:07
 

I polacchi Chaos Engine Research sono in giro da quasi una decade, ma solo nel 2014 hanno rilasciato il loro primo album intitolato "The Legend Written By An Anonymous Spirit Of Silence". Il disco racconta la storia di un uomo precocemente venuto a mancare, che continua a vagare sulla terra divenendo lo spettatore-autore ideale a descrivere la falsa interpretazione del concetto di libertà di cui l'umanità si fregia; un'umanità condannata a sottostare a una mancanza di libero arbitrio e a un indottrinamento di massa mediatico costante e schiavizzante.

Le premesse — almeno per ciò che riguarda i testi — sembrerebbero quantomeno interessanti, purtroppo però è il lato musicale a non lasciare ricordi importanti. La proposta del sestetto è di stampo moderno e miscela l'area groove a soluzioni alternative e nu metal, tuttavia s'intravedono solo sprazzi di scelte definibili progressive o realmente riconducibili al panorama thrash. Tralasciando il fatto che l'impostazione dei brani a lungo andare risulta essere alquanto scontata, pur non mancando quei due o tre pezzi che tentano di smuovere la situazione, mostrandosi un pizzico più vari ("All-Pervading Illusion" e "Sign Of Transformation") o sfoggiando un riffato leggermente più affilato e movimentato ("Pleasure Of Killing" e "Critical Mass"), ciò che appiattisce davvero la prestazione è la mancanza di spessore generale.

Il modus operandi utilizzato dietro al microfono è poco brillante nell'alternare gli spazi adibiti alle fasi più rudi — che si spingono sino al growl — e quelle in voce pulita, non malvagie ma decisamente prevedibili. La produzione invece sembra proprio voglia affossare la prestanza dei pezzi, limitandoli soprattutto per ciò che riguarda l'impatto del lavoro svolto dalle sei corde, già non così corposo come ci si potrebbe attendere. Infine mi viene da chiedere se davvero questo album sia passato sotto le mani di Tue Madsen in fase di masterizzazione, forse il danese era in giornata no

In definitiva i Chaos Engine Research non riescono a brillare e l'ascolto di "The Legend Written By An Anonymous Spirit Of Silence", per quanto non sia poi del tutto disdicevole, è comunque da ritenersi esclusivamente un passatempo indirizzato all'orecchio di coloro i quali si rivolgono con assiduità alla compagnia di uscite similari, senza peraltro avanzare chissà quale pretesa. Chiunque altro potrà tranquillamente farne a meno.

Facebook Comments