CHAOSWOLF – Templo De Palabras Muertas

 
Gruppo: Chaoswolf
Titolo: Templo De Palabras Muertas
Anno: 2015
Provenienza: Messico
Etichetta: Caligo Arcanum Productions / Symbol Of Domination Productions
Contatti:

Facebook  Myspace

 
TRACKLIST

  1. La Escisión De Ouróboros
  2. Orgasmortem (O De La Libido Perpetua)
  3. Irreverencia (O El Evangelio Negro De La VeraLux)
  4. Tanatema
  5. La Muerte De Calvarium Funestus (O El Gesto Irónico De Su Sepultamiento)
  6. El Retorno De Lo Reprimido
  7. El Discurrir De Un Cáncer Del Ser
  8. Extraducción A Lo Inconsciente
  9. Wings Of Paradox (In The Cynic Valley) [traccia bonus]
  10. The End Of Black Metal Paradise [traccia bonus]
DURATA: 48:41
 

"Templo De Palabras Muertas" è l'occasione per una capatina in Messico, popolosissimo Paese del Centroamerica col quale non ho praticamente mai avuto incontri musicali, se si eccettuano i Brujeria (a proposito: ascoltatevi l'ode a Donald Trump rilasciata di recente!), mentre qualche gruppo è comparso invece qui su Aristocrazia Webzine nel corso degli anni. I Chaoswolf sono una band fedele ai dettami della Nera Fiamma scandinava, nel più puro degli spiriti underground fuori dal tempo e dalle mode.

Il black metal dei quattro interpreti di questo disco è maligno e viscerale, con diversi punti di richiamo agli Horna e alla Finlandia per la capacità di unire furia carnale e melodie rituali. Lo screaming di Chaoswolf è slabbrato, gracchiante e sciorinato quasi totalmente in spagnolo, lingua che permette al Nostro di proporre le proprie riflessioni legate al black metal, una sorta di vera e propria filosofia, basata anche su alcune citazioni a diversi pensatori. I suoni invece possiedono la classica aura lo-fi, leggermente ovattata, eppure non traspare mai la sensazione di ascoltare qualcosa di amatoriale o improvvisato, al contrario la sincera passione compensa la totale mancanza di originalità.

L'album si articola su sei pezzi suddivisi in tre capitoli, ai cui estremi si trovano intro e outro erette su tastiere di stampo sinfonico e atmosferico, entrambe piuttosto ben fatte; ciò è ulteriore dimostrazione del buon lavoro dei Chaoswolf. Le ultime due tracce invece sono dei bonus abbastanza superflui e dall'impronta sonora diversa, che si discostano dal resto, come si può notare dai suoni molto più ronzanti, dai titoli in inglese e da uno stile abbozzato, drum machine compresa.

C'è poco altro da dire su "Templo De Palabras Muertas", se non che è un'opera riservata esclusivamente ai maniaci del black metal underground come si suonava nel nord dell'Europa, fra una chiesa bruciata e l'altra. È uscita lo scorso anno per Caligo Arcanum Productions in collaborazione con Symbol Of Domination ed è ascoltabile su Bandcamp.

Facebook Comments