CHTON – The Devil Builds

 
Gruppo: Chton
Titolo:  The Devil Builds
Anno: 2012
Provenienza:  Norvegia
Etichetta: Godeater Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Faustian Resolve
  2. Scavenger Of A Dead World
  3. Gods Of The Flesh
  4. Rise Black God
  5. Death Awaits
  6. Contagion (The Disease)
  7. Lord And Master
  8. Nithon Undertow
  9. Ratbag [cover Abscess]
  10. Babalon And The Beast Conjoined
DURATA: 42:08
 

I deathster norvegesi Chton si rifanno vivi sulla lunga distanza, non avveniva dai tempi del promo "Death Awaits" risalente al 2006, e sono dovuti trascorrere ben otto anni prima che venisse rilasciato il successore del debutto "Chtonian Lifecode" (2004) intitolato "The Devil Builds". Intanto la formazione non è stata rivoluzionata, pur se qualche cambio è avvenuto, mantenendo comunque integra l'attitudine death rocciosa, astiosa e martellante che sinora l'aveva caratterizzata: Espen Hektoen è entrato a far parte del gruppo nel 2008 nel ruolo di batterista, mentre dal 2012 Craig Furunes si è insediato dietro il microfono; anche se sul disco la prestazione vocale è affidata all'ex Terje Olsen.

La scena statunitense di Morbid Angel e signori del male affini e le realtà connazionali Zyklon e Blood Red Throne sono i possibili riferimenti con i quali orientarsi per farsi un'idea del suono proposto dalla band di Trondheim.

Gli scandinavi sono una di quelle incarnazioni operaie che se la cava bene menando, la forza bruta vince nettamente sulla ricercatezza e sulle attenzioni dedicate agli aspetti atmosferici (quest'ultimi presenti soprattutto in un episodio come "Nithon Undertow"), scatenando perlopiù un turbinio continuo nel quale sono i mid-tempo a farla da padrone, con il growl profondo e a tratti un po' monotono nell'impostazione di Terje a scandirne le pulsioni cattive. Il riffato in alcune circostanze è capace di assumere un atteggiamento lievemente più melodico, cosa che avviene in "Lord And Master" e nella conclusiva "Babalon And The Beast Conjoined". Con questa formula semplice e nota ci vengono consegnati brani quali "Faustian Resolve", "Scavenger Of A Dead World", "Rise Of Black God" e "Contagion (The Disease)".

La cover di "Ratbag" degli Abscess, pezzo incluso nel secondo disco della band ormai sciolta il cui titolo è "Tormented" (2000), è un piacevole diversivo, forse avrebbero potuto anche inserirla un po' prima in scaletta, dato che la pecca più grande insita in "The Devil Builds" è l'omogeneità nell'approccio e nell'evoluzione che alla lunga rende l'ascolto parecchio uniforme, insomma una bella mattonata per carità, che però avrebbe necessitato di un paio di sbocchi alternativi in più in ambito ritmico.

La produzione è leggermente più pulita rispetto a quella di "Chtonian Lifecode" e ciò ha dato vigore alle chitarre e alla voce, comunque senza esagerare, per fortuna siamo lontani da quei supporti asettici e freddi di stampo seriale che in tanti definiscono death metal mixato in maniera moderna (plastica in pratica). La morte qui è ancora attiva e non confezionata.

I Chton si confermano solidi e affidabili, non attendetevi rivoluzioni dal loro "The Devil Builds", ma del buon death metal proprio sì.

Facebook Comments