CORRUPTED SUBURBS – The Day They Walked The Earth

 
Gruppo: Corrupted Suburbs
Titolo: The Day They Walked The Earth
Anno: 2010
Ristampa: 2013
Provenienza: Canada
Etichetta: GS Productions
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Time Lapse
  2. A.M.
  3. Underoath
  4. The Day They Walked The Earth
  5. Understars
  6. Hollow
  7. Sedated
  8. Fort Knox
  9. Sundown
  10. Fading
  11. Waiting For The Tide
DURATA: 46:06
 

I Corrupted Suburbs sono un altro recupero operato dalla GS Productions: canadesi e autori di due dischi dal 2004 a oggi, di cui "The Day They Walked The Earth" è il secondo, datato 2010 e ristampato dall'etichetta russa nel 2013 nel solito formato da cento digipak numerati. La proposta della refrattaria formazione del Québec (una pagina Facebook, due aggiornamenti in tre anni) è ibrida e piuttosto interessante: un po' aggrotech alla Hochico, qualche venatura IDM, le chitarre spesso in primo piano a ricordarci dei Combichrist e alla fine magari anche un tocco di industrial alla Skinny Puppy.

"The Day They Walked The Earth" è in grado di muoversi attraverso tutti questi generi in modo piuttosto organico e coerente, riuscendo nella non banale impresa di far convivere epoche e approcci musicali molto differenti tra loro. Forse a causa della natura stessa dell'opera, questa non riesce però a bucare davvero, rimanendo un buon album ma non arrivando mai a toccare i vertici di ciascuna delle proprie diverse personalità. Se "Sedated" è un buon brano aggrotech e la traccia che porta il titolo del disco è un discreto downtempo con voci sporche e un'atmosfera apocalittica, "Fort Knox" invece sporca chitarre industriali con un flow hip-hop abbastanza estemporaneo, così come "Understars" è poco più di un interludio di sintetizzatori e chitarre.

Fermi oramai da un lustro, con l'ultima comunicazione ufficiale risalente a oltre due anni fa, sul futuro dei Corrupted Suburbs aleggia un alone di mistero, chissà se questo tempo servirà loro a riaffilare le lame per portare la propria proposta musicale a un livello superiore alla media.

Facebook Comments