CRYOSTASIUM / THOR MAILLET – CTM3

 
Gruppo: Cryostasium / Thor Maillet
Titolo: CTM3
Anno: 2015
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Symbol Of Domination Productions / Metropolitan State Productions
Contatti:

Cryostasium Facebook  Bandcamp  Myspace  Blog  

Thor Maillet Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. 01
  2. Child's Cry
  3. 03
  4. 04
  5. 05
  6. 06
  7. 07
  8. CTM3 [versione live] [traccia fantasma]
DURATA: 40:24
 

Il titolo "CTM3" riassume alla perfezione ciò che questo album rappresenta, ovvero la terza collaborazione tra i fratelli Cody (Cryostasium) e Thor Maillet; entrambi sono attivi da tempo nella scena musicale atmosferica e specialmente Cody pare essere molto prolifico. Vediamo quindi cosa hanno da proporci.

Le sette tracce del disco superano di poco i venti minuti, ma in compenso ci viene regalata una versione dal vivo dell'intero album come traccia nascosta, pertanto quasi raddoppiando la durata; purtroppo i brani non hanno poi così tanto da dire, per cui l'ho trovata una scelta abbastanza ridondante. Musicalmente ci troviamo in un Ambient gelido, dove chitarre che definire zanzarose sarebbe un eufemismo aggiungono un tocco Black Metal. Le percussioni sono minimali (quando presenti) e fanno il loro dovere senza particolari spunti di interesse; altrettanto si può dire delle composizioni, caratterizzate dai suoni freddi dei sintetizzatori, in grado tutto sommato di ricreare le atmosfere rappresentate nella copertina tramite melodie semplici e ripetitive, talvolta anche con buoni intrecci e accompagnamenti di campane, che faticano però a colpire l'ascoltatore in maniera decisa. Nemmeno gli inserimenti delle sei corde riescono a donare un qualcosa di importante ai pezzi, anzi risultando apparentemente senza uno scopo e dando al contrario maggiore valore ai momenti in cui non intervengono, come ad esempio in "01"; forse è il suono eccessivamente sporco a danneggiare il loro contributo, a causa del contrasto con le tastiere cristalline, ma in generale è un elemento di cui non si sente particolare bisogno, con l'eccezione di "06" in cui in effetti è stato sfruttato discretamente bene.

Sfortunatamente non c'è molto altro da aggiungere: "CTM3" è un lavoro che si lascia ascoltare, ma dà l'impressione di essere un po' fine a se stesso e scivola via senza offrire un motivo per ripetere l'esperienza. Paradossalmente, la versione live riesce quantomeno ad avere quell'atmosfera tipica del Black Metal da scantinato che ha sempre il suo fascino, almeno finché non ci si ricorda che non si sta parlando di una band alle prime armi negli anni Novanta.

Facebook Comments