CRYPT OF KERBEROS – World Of Myths

 
Gruppo: Crypt Of Kerberos
Titolo: World Of Myths
Anno: 1993
Ristampa: 2012
Provenienza: Svezia
Etichetta: Pulverised Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. The Canticle
  2. Cyclone Of Insanity
  3. Dream…
  4. Stormbringer
  5. The Ancient War
  6. Nocturnal Grasp
  7. The Sleeping God
  8. World Of Myths
  9. The Canticle [sessione di prova del 1992]
  10. World Of Myths sessione di prova del 1992]
  11. Nocturnal Grasp sessione di prova del 1992]
  12. Stormbringer sessione di prova del 1992]
  13. Ancient War sessione di prova del 1992]
  14. Cyclone Of Insanity sessione di prova del 1992]
  15. Dream… sessione di prova del 1992]
DURATA: 01:03:16
 

I Crypt Of Kerberos sono una delle tante magnificenze partorite dalla Svezia dei primi anni Novanta. Aristocrazia li ha già trattati in passato col singolo del 1992 "Cyclone Of Insanity", ma se un tributo si deve rendere a questa stupenda creatura, credo sia doveroso dedicare tempo al loro unico disco — e capolavoro con la «c» maiuscola — "World Of Myths".

La formazione era di quelle avanti, ma tanto avanti e l'uscita del loro album nel 1993 spiazzò sicuramente molti. Il livello di avanguardismo e ispirazione, nonché il grado di personalità, riscontrabili erano pari a quelli rintracciabili nelle opere dei Nocturnus e dei loro connazionali Pan.Thy.Monium ed Edge Of Sanity (entrambi progetti in cui Dan Swanö era un pilastro portante). Per certi versi la band era vicina a quelle realtà desiderose di oltrepassare gli schemi: anche nei Crypt Of Kerberos era presente la volontà di rendere il suono death metal sfaccettato, tingendolo a più riprese di atmosfera e di un'anima progressiva, capace così di aprire le porte alla voce pulita senza privarsi della matrice originaria del genere, incentrata sulla prestanza e sulla ruvidità.

Accelerazioni devastanti, stacchi cervellotici, melodie che si insinuano in testa, solistica da capogiro, chitarra acustica, tastiere, arrangiamenti di fino, voce pulita e growl: questi erano gli elementi inclusi in un processo di sperimentazione messo in atto con il fine unico di realizzare musica compiuta e non una serie di voli pindarici. Una compilazione completa e priva di buchi, la cui dimostrazione di validità ci viene fornita dall'ascolto di tracce diverse fra loro, quali "The Canticle", "Cyclone Of Insanity", "Dream…", "Nocturnal Grasp", ma innegabilmente partorite dalla stessa abile e ingegnosa mente.

La ristampa della Pulverised realizzata nel 2012 non solo permette a chi non riuscì a entrare in possesso di questa perla di provvedere, ma offre anche una succosa serie di episodi tratti dalle sessioni di prova, registrati nella music hall Balsta Musikslott di Eskiltuna (città di provenienza del gruppo) nel novembre del 1992 e dal suono più crudo e classicamente death metal. Inoltre è corredata da una nuova copertina piacevole e calzante verso una musica intrigante anche dal punto di vista rituale.

"World Of Myths" è un tassello fondamentale per chiunque ascolti death metal. Uno di quei dischi che ha influenzato una miriade di artisti (inutili da citare, tanto vi sarà facile distinguerli) e che si deve assolutamente conoscere. Se ancora non l'avete fatto, acquistatelo: rimarrete estasiati.

Facebook Comments