CULT OF REBORN – Reborn

CULT OF REBORN – Reborn

Informazioni
Gruppo: Cult Of Reborn
Anno: 2009
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: www.myspace.com/cultofreborn
Autore: Mourning

Tracklist
1. Beckoning
2. Zacaran
3. Reign Of Fire
4. Cry Of Our Mother
5. Hero
6. Lost Souls
7. Rise You Servants, Rise

DURATA: 24:08

CULT OF REBORN - Reborn E’ tempo di dare un senso agli sforzi sinora fatti anche per i croati Cult Of Reborn, la formazione attiva dal 2003 solo nell’anno passato ha infatti rilasciato il demo intitolato “Reborn”.
I ventiquattro minuti suddivisi in sette tracce rappresentano un po’ l’andazzo che tanto ha dilagato nel mondo death in genere, quell’imbastardimento musicale che l’ha venato di black sempre più spesso e che ha fatto la fortuna di molte band, soprattutto dell’est europeo.
I rudimenti metallici da cui attingono sembrano pescati da quella zona geografica così come dall’old school in genere, con melodie serrate e taglienti a far capolino su di un riffato che di frequente si annerisce.
Tralasciando l’intro “Beckoning”, invito d’apertura ai giochi che si limita a una dose d’atmosfera preparatoria, sono brani come l’elementare “Zacaran”, il cui assalto è canonicamente legato ai cardini di un certo death/black, così come la successiva e battente “Reign Of Fire” a scandire i tempi e a suscitare un iniziale interesse, nulla di nuovo ma che fa il proprio sporco lavoro.
Meglio si propongono “Cry Of Our Mother”, “Hero” e il pezzo conclusivo nonché più lungo del platter “Rise Your Servants, Rise” che oltre a un discreto tiro evidenziano tentativi di variegare quanto meno le strutture per dare un minimo di personalità alla release.
E’ materiale ancora da rivedere, alcune soluzioni sono fin troppo standardizzate se inserite nel contesto odierno sempre più competitivo, è comunque soddisfacente la prova complessiva con la voce di Drezan che manca di un po’ di versatilità ma non per questo risulta poco incisiva al fine di dar la spinta finale ai brani.
Rimboccandosi le maniche e curando il songwriting ripartendo dalle basi impostate con questo “Reborn” i Cult Of Reborn potrebbero produrre qualcosa di valido, sta a loro dimostrare quale strada e quale valore saranno capaci d’esprimere in un futuro prossimo.
Non ci resta quindi che attendere e nell’attesa mandare ancora una volta on air il demo per tenerlo a mente.

Facebook Comments