Darkher - The Buried Storm | Aristocrazia Webzine

DARKHER – The Buried Storm

Gruppo: Darkher
Titolo: The Buried Storm
Anno: 2022
Provenienza: Regno Unito
Etichetta: Prophecy Productions
Contatti: Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify  Soundcloud
TRACKLIST

  1. Sirens Nocturne
  2. Lowly Weep
  3. Unbound
  4. Where The Devil Waits
  5. Love’s Sudden Death
  6. The Seas
  7. Immortals
  8. Fear Not, My King
DURATA: 41:01

Ormai è qualche anno che il duo inglese Darkher appare sul feed di molti dei social che frequento, anche se a causa dell’enorme mole di uscite musicali non lo avevo mai approfondito più di tanto. Sicuramente, però, l’estetica cupa delle sue copertine e i lunghi capelli color rame della cantante e polistrumentista Jayn Miven hanno avuto un ruolo chiave nel riuscire a non passare inosservati e a fare sì che tenessi il progetto a mente, ripromettendomi di dedicarmici un giorno. Quale migliore occasione, dunque, se non l’uscita di un nuovo disco?

The Buried Storm è il secondo lavoro fresco di pubblicazione per i Darkher, sulla sempre valida Prophecy, e propone poco più di quaranta minuti di un doom un po’ atipico, molto atmosferico e in effetti più tendente al dark folk. Non ci sono melodie particolarmente elaborate o ricercate, il ruolo chiave è ricoperto dalle tetre e uggiose atmosfere che esalano da ogni singola nota, accompagnate dalle inquietanti e allo stesso tempo delicate soluzioni vocali di Jayn. Anche a livello ritmico le percussioni sono abbastanza marginali, se non completamente assenti in alcuni brani, ad esempio “Sirens Nocturne” e “Where The Devil Waits”; in ogni caso non credo se ne senta poi troppo la mancanza. Il primo collegamento che mi è venuto spontaneo è stato quello con Chelsea Wolfe, soprattutto dopo aver ascoltato il pezzo “Love’s Sudden Death”, anche se in The Buried Storm la presenza dietro le quinte del doom è forse ben più massiccia rispetto ai lavori dell’artista statunitense.

I brani del disco non presentano cesure o interruzioni nette, poiché terminano tutti in dissolvenza: l’idea finale è quella di una litania ipnotica che si protrae in un continuum, ricamata di note appena sussurrate, dolci eppure così incredibilmente sinistre allo stesso tempo: un esempio concreto in questo senso è “The Seas”. Chi ha uno spirito un po’ più tormentato si troverà invece attratto come una calamita da “Immortals”, che con la sua batteria dai toni ossessivi si avvicina moltissimo a un folk di natura più ancestrale.

The Buried Storm mette insieme più anime dello stesso volto, lasciandoti addosso una sensazione di angosciante calma, in cui tutti i tuoi sensi sono in allerta, come se qualcosa di imprevisto stesse per succedere. Ho probabilmente descritto l’ansia con altre parole, ma credimi se ti dico che il disco riesce quasi a implorarti di ascoltarlo di nuovo. L’ultima fatica dei Darkher grida a gran voce di essere goduta in un contesto intimo, lontano dai suoni della città. Non è esattamente qualcosa che si possa ascoltare mentre si viaggia in treno o in bus, o in generale quando ci si infila nel traffico, per cui trova un momento adeguato. Se poi sei giù di morale ancora meglio, The Buried Storm ti terrà ottima compagnia.

Il disco è comunque una trasposizione più elaborata del canto delle sirene — della sirena, in questo caso — che con voce suadente ti attirano verso la tua rovina. Per questo motivo non garantisco che la voglia di vivere ti tornerà e non mi assumo alcuna responsabilità in merito, d’altra parte però ascoltiamo doom anche e soprattutto per soffrire.