DAY BEFORE US – Child Of A New Light

DAY BEFORE US – Child Of A New Light

 
Gruppo: Day Before Us
Titolo:  Child Of A New Light
Anno: 2014
Provenienza:   Francia
Etichetta: Triple Moon Records
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Bandcamp  Blog  Vimeo

 
TRACKLIST

  1. The Blood Out Of A Mother's Breast
  2. First Tears At Dusk
  3. Child Of A New Light
  4. The Ecstatic Search
  5. Wounded Angels
  6. Silences Initiatiques
DURATA: 29:14
 

Philippe Blanche, a poco tempo di distanza dallo splendido "Misty Shroud Of Regrets", presenta al pubblico il suo nuovo EP "Child Of A New Light", sotto l'egida della neonata Triple Moon Records, etichetta fondata appositamente dall'artista stesso. Coadiuvato dalla presenza della cantante greca Effrosyni Papamichalopoulou, entrata da poco a far parte del progetto in pianta stabile, e dalla perizia in fase di mastering del nostro Giuseppe Verticchio (in arte Nimh, già comparso sulle ingiallite pagine di Aristocrazia per il suo split "Our Hunting For Teeth" con Antikatechon), Philippe propone sei tracce di struggente malinconia, antipasto, come si legge dal comunicato, per un nuovo full che starebbe prendendo vita proprio in questi mesi.

La delicatezza della composizione dell'autore transalpino non viene meno in questa produzione e anzi, grazie all'aggiunta azzeccatissima di una componente vocale di grande classe e dai tratti quasi tenorili, riesce a toccare vette ancora più alte e corde ancora più profonde. La proposta è abbastanza eterogenea, i brani hanno una identità ben definita e ciascuno di essi riesce a generare panorami sonori di volta in volta differenti e tuttavia legati dall'intenso senso di smarrimento che suscitano nell'ascoltatore.

Il pezzo d'apertura è una minimale quanto struggente accoppiata voce-piano, due elementi distinti e tuttavia uniti dagli echi e dai riverberi ambientali. La scelta di aggiungere un comparto lirico si rivela vincente e la cantante si dimostra, oltre che assolutamente dotata, anche abile nel trasformarsi all'occorrenza in voce narrante, dando una nuova dimensione a tutto il progetto. Lo stacco che si viene a creare con il conseguente "First Tear At Dusk" è totale: tornano le atmosfere più grezze e dark ambient, i riverberi e i field recordings a creare un substrato sonoro cupo che si apre solo nella sua parte finale con una melodia di piano accompagnata dalla risacca del mare.

Segue "Child Of A New Light", pezzo che racchiude in cinque minuti tutto ciò che l'esperienza musicale di Day Before Us è stata fino a oggi: piano, elettronica, field recordings scivolano verso un finale in cui emerge la vena ambient-drone di Philippe. Nonostante a questo punto l'asticella sia già posta molto in alto, viene superata senza fatica da "The Ecstatic Search", il meglio offerto dal disco, per cui vale praticamente tutto ciò detto prima, con l'aggiunta di un finale tutto voce e chitarra acustica davvero memorabile. "Wounded Angels", canzone breve, ma delicatissima in cui Effrosyne è protagonista totale, conduce verso la finale "Silences Initiatiques", un velo di elettronica che crea un tappeto su cui voci infantili e cinguettii si intrecciano a chiusura dell'opera.

Philippe difficilmente avrebbe potuto inaugurare meglio la sua etichetta discografica, poiché "Child Of A New Light", alla faccia dell'essere un EP, conferma il suo stato di ispirazione e si rivela probabilmente a oggi l'opera più riuscita del musicista francese. Non resta che aspettare il disco che ne dovrebbe conseguire.

Facebook Comments