DEADRIVER WASTELAND – Plotting Merciless Retribution

 
Gruppo: Deadriver Wasteland
Titolo:  Plotting Merciless Retribution
Anno: 2009
Provenienza:  Canada
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Non Disponibili

 
TRACKLIST

  1. Plotting Merciless Retribution
  2. Thing In The Crypt / By This Axe I Rule
  3. Power Of Old
  4. Cheat Death
  5. Path To Dark Mountain / Devourer Of Souls
  6. Axis Of Evil
  7. River Of Woe
  8. Road Warrior
  9. The World's End 
DURATA: 01:07:36
 

Seconda fatica per questa band canadese che dopo già un più che soddisfacente esordio, "They Die We Fight" ridiscende in campo con il suo death metal battagliero. "Plotting Merciless Retribution" è una conferma, con la presenza di qualche lieve passo in avanti compiuto, di ciò che la prima prova aveva mostrato.

La formazione riesce ad essere una vera e propria macchina da guerra pur sfruttando una vena melodica possente che ne caratterizza il suono in maniera evidente. Uno spirito che riesce ad unire, non tanto per stile quanto nella proposizione mentale, i modi di vivere lo scontro e la lotta di gente dedita all'arte delle guerra moderna come i Bolt Thrower alla mentalità fiera ed evocativa degli Amon Amarth.

I brani, come già nel suo predecessore, sono di lunga durata, aspetto che per molti potrebbe essere un'ostacolo, per fortuna questo "Plotting Merciless Retribution" è dotato di un'aura forte e conquistatrice che si snoda di episodio in episodio come fosse un libro teso a narrarci una vera a propria storia capace di avvolgerci dall'inizio alla fine trovando apici assoluti in canzoni come "Thing In The Crypt/By This Axe I Rule", "Path To Dark Mountain", "Devourer Of Souls" e "The World's End".

I tempi sono spesso marziali e pesanti evitano di perdersi in stupide accelerazioni che allenterebbero la tensione interna costante e incalzante del disco. Sono degni di nota sia lavoro di chitarra svolto da parte delle due asce, sempre ben calibrate e abili nel concedersi in fase solistica a brevi passaggi melodici azzeccati, che di un cantante in possesso di un growl non troppo profondo, ma roco e incisivo quanto basta per dare ai brani il giusto spunto finale.

La produzione è molto buona, vantaggio di non poco conto visto che imprime una bella spinta a dei pezzi di per sè validi, i suoni sono ben bilanciati, l'esser pulitina non ha giocato a scapito dell'atmosfera da loro ricreata.

"Plotting Merciless Retribution" è un ascolto piacevole ed intrigante, non canonicamente death, soprattutto per chi ama un old school anche se forzato, e ha tante buone carte da metter sul tavolo a proprio favore, sta a voi adesso fiondarvi e decidere da quale lato dello schieramento schierarvi, siete con loro o contro di loro? Pensateci bene.

 

Facebook Comments