DEIPHAGO – Filipino Antichrist

 
Gruppo: Deiphago
Titolo: Filipino Antichrist
Anno: 2009
Provenienza: Filippine
Etichetta: Hell's Headbangers Records
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST

  1. Intro: Annihilation
  2. Christ Eater
  3. Articles Of Death
  4. Storming Chaos
  5. Command Destruct
  6. Subliminal Satan
  7. Satanic Metal
  8. Hate [cover Sarcófago]
  9. Satan, Semen And Blood
  10. Filipino Antichrist
  11. Outro
DURATA: 29:34
 

Sognate spiagge, mari color smeraldo, isole esotiche e le loro bellezze? Troverete questo e anche più negli arcipelaghi delle Filippine, dove pescatori strappano il necessario per vivere alle acque salmastre, mentre i turisti si occupano di sfruttare la prostituzione per loro conveniente economicamente.

Non so dire se siano state queste realtà casalinghe che spinsero i Deiphago a produrre un suono tanto rumoroso e indigesto. Le influenze sono comunque le solite: Beherit, Blasphemy e tutte quelle formazioni che contaminarono la prima onda del black metal o che ne furono addirittura parte integrante.

Durante poco meno di mezz'ora, questi asiatici annichiliscono il Mondo, l'Umanità e tutte le sue speranze, riducendo il tutto a una massa di atomi insignificanti. Questa macchina rumorosissima e perfettamente blasfema, vomitata da quel Moloch che è Manila, catapulta le sue sferzate brutali di scale velocissime accompagnate da una voce che pare uscire dal Purgatorio di Dante. Corpi scorticati tentano di svincolarsi dall'accurato trattamento di demoni esperti in ogni tecnica oscenamente perversa di sofferenza. Gli assoli rendono ancora più satanica l'atmosfera di questo disco, raffinato come un Tank M1 statunitense che trapassa a piena velocità una casa abitata.

Questo lavoro dimostra chiaramente che i Deiphago non sono per nulla interessati a fare un minimo passo avanti e che preferiscono vivere nel sottosuolo più profondo, fornendo dischi molto difficili da sopportare e da digerire all'ampio pubblico. Una produzione più pulita contribuirebbe sicuramente a un gradimento più alto.

Non mi preoccupo troppo di questi dettagli e continuo ad apprezzare gli Anticristo filippini.

Facebook Comments