DEISIDAEMONIA – Khthonian Hymns

 
Gruppo: Deisidaemonia
Titolo: Khthonian Hymns
Anno: 2016
Provenienza: Grecia
Etichetta: Old Temple
Contatti:

Soundcloud

 
TRACKLIST

  1. Further Down The Abyss
  2. Hades Awake
  3. Titanic Blood
  4. Prometheus Disciples
  5. Khthonian Hymns
  6. Primal Force Arrival
  7. Towards The Horizon
  8. Passing The Acheron
DURATA: 38:46
 

"Khthonian Hymns" è il primo lavoro della one man band Deisidaemonia, uscito l'anno scorso per l'etichetta Old Temple. La band greca coniuga il black metal tipico del suo paese a enormi dosi di metallo nero svedese. Di sicuro non mancano rimandi a formazioni come Varathron e Thou Art Lord ("Hades Awake" ne è un ottimo esempio), capita però spesso che il gusto melodico si rifaccia piuttosto a quello nordico, tant'è che non è raro udire rimandi ai Dissection, come è evidente nelle progressioni di "Toward The Horizon".

Lasciando da parte la digressione stilistica, devo ammettere che Deisidaemon, l'uomo dietro questo lavoro, ci sa fare non poco. Non sarà un mostro di personalità, ma gioca bene le sue carte, facendo leva sull'immediatezza delle melodie, che riescono molto spesso a lasciare il segno del proprio passaggio sull'ascoltatore. I ritmi sono per lo più cadenzati, tuttavia capita che appaia un blast beat a movimentare il tutto, cosa che funziona molto bene nel mantenere l'attenzione alta.

Vorrei però segnalare che il vero punto di forza diventa evidente con il passare degli ascolti: Deisidaemon possiede un'abilità compositiva invidiabile. Per quanto comunque il materiale qui dentro non manchi di inciampare nel già sentito, la struttura dei brani possiede quel pizzico di imprevedibilità. In questo senso è emblematico il finale in chitarra pulita dell'aggressiva "Primal Force Arrival", che fa da vetrina a un riff di basso, ma quasi ogni brano mette in mostra questa capacità.

Deisidaemonia si rivela come un progetto solido e di un certo valore, che però dovrà maturare se vorrà consolidare il proprio nome. Date le premesse e l'indubbia abilità mostrata, sono convinto che meriti la fiducia degli ascoltatori.

Facebook Comments