DEPOPULATE – Till Man Exists No More

 
Gruppo: Depopulate
Titolo:  Till Man Exists No More
Anno: 2012
Provenienza:  Polonia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Deranged I Slice
  3. Pandemic Lust
  4. Wastesoaked
  5. Show Me The Way To Your Heart
  6. Harvesting Human Flesh
DURATA: 15:56
 

A cosa vi fa pensare il nome Depopulate? Di primo acchito l'unica cosa che mi è venuta in mente è stata il secondo album dei Vile e istintivamente ho quindi immaginato si tratta di una formazione anch'essa statunitense e di quel tipo. Non ho toppato del tutto, in effetti i musicisti che militano in questa band hanno gli U.S.A. come riferimento primo nel suono.

Compagini come Suffocation e Dying Fetus basterebbero a inquadrarli sommando un po' di slam vecchia scuola alla Devourment e Disgorge, tenendo però conto che la compagine è polacca e la realtà loro connazionale che più di altre ritengo accostabile è quella dei Decapitated (che furono), capirete come dal marchio di fabbrica della madre patria abbiano preso poco, davvero poco. È un male? Mah, non è una novità che il metal sia cosmopolita.

Soddisfatto? "Till Man Exists No More", l'unico ep sinora prodotto, suona bene, la breve durata aiuta allontanando la possibilità che la noia possa sopraggiungere, mentre la produzione grezza rispetto agli standard odierni si addice a una proposta che per lo più si mantiene su una resa sufficiente.

Il mini non presenta pezzi eccellenti né cadute rovinose, anzi devo dire che "Deranged I Slice", "Pandemonic Lust" e "Show Me The Way To Your Heart" (titolo adattissimo a una ballad), pur attenendosi passo dopo passo a quanto è stato sviscerato nel death negli ultimi vent'anni, si lasciano ascoltare e svolgono onestamente il compito a loro assegnato.

Per ora possiamo anche accontentarci, i Depopulate muovono i primi passi andando sul sicuro e quindi un passaggio nello stereo di "Till Man Exists No More" non vi farà male, però proseguire su questa strada può condurre a produrre dischi destinati a rimanere sugli scaffali a prendere polvere, o peggio ancora ad essere evitati a priori dai non ultrasfegatati, quindi un cambio di marcia è necessario. Toccherà vedere se saranno in grado d'innestarlo, intanto li si promuove con riserva.

 

Facebook Comments